BeneBiennale 2016: un finale col botto! Tra canti, musica e danza ecco tutti i premiati In primo piano

Con le premiazioni di domenica, si e' conclusa la felice esperienza della BeneBiennale 2016. In un palcoscenico naturale quale e' l'Arco del Sacramento e con un pubblico delle grandi occasioni, sono stati attribuiti i premi delle due giurie, una tecnica formata da Giorgio di Genova (nella qualità di presidente), Enzo Le Pera  e Maurizio Vitiello, i quali vista l’alta qualità delle opere presentate, hanno deciso anche di ampliare il numero dei premi,  l’altra stampa, formata da giornalisti di varie testate giornalistiche accreditate: Monica Nardone (Ansa Nazionale - in qualità di presidente), Elide Apice (Sannioteatrieculture), Annamaria Gangale (Realtà Sannita), Angela Tretola (Il Sannio Quotidiano), Mariateresa De Lucia (Ottopagine), Giovanni Chiusolo (Infosannionews), Alfredo Pietronigro (Gazzetta di Benevento).

Il premio BeneBiennale 2016 è andato Myrian Risola di Bari con “Babilonia”, acrilico del 2016 e in  ex aequo, a Luciano Puzzo con “L’eco 2” e Salvatore Oppido con ”Sentiero Sant’Elia”.

Il premio alla carriera è andato a Paolo Viterbini di Roma ( ritirato da Pino Manganelli) con l’opera “Teatro delle lanterne rosse” e in ex aequo a Roberta Buttini (GE) con “Omaggio a Piero” e Angelo Liberati (Frascati - RM) con ”Dalle violenze quotidiane”.

Il premio Giovani a Isabelle Salari di origine iraniana, oggi diciassettenne, con l’opera “Il tormento umano”, realizzato quando aveva solo 13 anni.

Premiati inoltre, per la sezione scultura, Vittorio Guarnieri (BO) con “Metamorfosi figurative” e Donato Linzalata (Genzano di Lucania - PZ) con “Amplesso”, Franco Cortese (Terlizzi – BA) con “Tre linee rosse” e Caterina Arcuri  (CZ) con “Oltre natura III”.

Per la sezione internazionale, si è registrata la presenza di artisti provenienti da Francia, Germania, Spagna, il premio è andato a Fabio Rafael Soto Ortis, da Cuba, con l'opera Le differenze che ci uniscono e Beatriz Càrdenas, dal Messico, con l'opera Blu line.

Il premio della Stampa, la giuria presieduta da Monica Nardone, ex aequo a Maddalena Sordellino (Arienzo-CE) con “Mater nostra” e Gabriella Cusani (BN) con “Furore”.

Consegnata anche una targa al giornalista RAI Paolo Corsini, per la sua preziosa collaborazione, ritirata da Eraldo Vinciguerra.

Sono inoltre stati premiati molti allievi dei Licei artistici di Benevento, Aversa, Napoli, San Leucio di Caserta e Santa Maria Capua Vetere, in esposizione in una  sezione speciale alla Biblioteca Provinciale.

Gli organizzatori, anche presentatori per l’occasione, Giuseppe Petito presidente Proloco Samnium, Mario Lanzione direttore artistico e Lucietta Cilenti project manager, nel ringraziare l’amministrazione provinciale e il comune di Benevento, hanno espresso immensa gratitudine per tutti gli artisti che con la loro presenza a Benevento, in oltre quindici giorni,  hanno potuto e voluto conoscere la città.  L’intento sotteso dunque è riuscito, portare il nome di Benevento nel mondo attraverso i tanti artisti non solo locali o nazionali.

Presente per tutta la durata della serata il neo assessore alla cultura Oberdan Picucci, che ha dichiarato: “Sono contento della riuscita della manifestazione ed esprimo fin d’ora la vicinanza dell’amministrazione e dell’assessorato, per quanto possibile, alle future organizzazioni. Arte e cultura vanno di pari passo con il turismo ed è anche grazie a queste iniziative che si contribuisce a far conoscere Benevento oltre i confini regionali e nazionali”.

La serata è stata arricchita da intensi momenti di danza a cura dell’Accademia Beneventana Danza di Sara Puzio e dalle voci di Silvia Spatola, Miriam Allegretta, Sara Cantone, Gabriella De Pierro, allieve del Maestro di canto Mina Minichiello.

Ringraziamenti doverosi a Enzo Bruglieri, storico fotografo di Benevento che ha portato in mostra una sua collezione fotografica a Palazzo Paolo V, a Leonardo Cantone e Enzo De Matteo, autori del corto “Icaro on target” in collaborazione con il Liceo artistico di Benevento proiettato durante la kermesse.

Non da ultimi i ringraziamenti ai partner: Orchestra Filarmonica di Benevento, Conservatorio Statale “Nicola Sala” Benevento, Liceo “G. Guacci”, associazione culturale “ArtiFrementi”, Emimedia e ai tanti “elementi” che hanno arricchito il programma: il Maestro Umberto Aucone con “Saxophone Jazz Ensemble”; Aniello Troiano, autore di “Il vaso di Asteass”; il Maestro Franco Mauriello con “Ensemble clarifagot”; Giovanni Cardona autore de “La rivoluzione rimandata”, Alfredo Martinelli autore di “Sparse Carte” e realizzatore delle video interviste agli artisti; Marco Perillo, redattore del Mattino Napoli, autore di “Il sogno di Natale”.

Infine, ringraziati anche Mariano Goglia, Fabrizio Pomponio, Antonio Magnotta che con Mario Lanzione hanno allestito le tre sedi Rocca dei Rettori, Palazzo Paolo V e Biblioteca Provinciale, con oltre 120 opere in esposizione tra pittura, scultura e istallazioni.

Si conclude così tra gli applausi scroscianti la BeneBiennale 2016, per tutti solo un arrivederci.

Foto di Antonio Caporaso - www.antoniocaporaso.it

Altre immagini