Benevento - Inaugurato alla stazione 'Appia' il nuovo treno Alfa2 '243' In primo piano

Si chiama Alfa2 '243' e' lungo circa 51 metri ed è dotato di 288 posti passeggeri, moderni impianti di illuminazione, climatizzazione, videosorveglianza e sistemi di sicurezza, oltre un servizio di bagni e posizioni per i diversamente abili.

E' il nuovo treno inaugurato questa mattina a Benevento presso la stazione Eav 'Appia', il primo dei 9 convogli che entreranno progressivamente in esercizio entro gennaio 2017 sulla tratta ferroviaria Napoli-Cancello-Benevento via Valle Caudina, per un investimento totale di 52 milioni di euro.

Dopo trent'anni, dunque, la stazione ferroviaria del capoluogo sannita ha finalmente un treno nuovo di zecca che alla velocità di 160 km/h la collegherà a Napoli.

Dopo essere stato portato alla stazione 'Appia' il 7 gennaio scorso dallo stabilimento di Caserta dell'impresa costruttrice Titagarh Firema Adler, il treno è stato consegnato ufficialmente alla presenza del presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, del sottosegretario alle Infrastrutture e ai Trasporti, Umberto Del Basso De Caro, del presidente Eav, Umberto De Gregorio, del consigliere regionale Mino Mortaruolo, del sindaco di Benevento, Fausto Pepe, del presidente della Provincia, Claudio Ricci, del prefetto, Paola Galeone, del questore, Antonio Borrelli, del comandante provinciale dei Carabinieri, colonnello Pasquale Vasaturo e del comandante provinciale della Guardia di Finanza, colonnello Luigi Migliozzi.

Prima di effettuare il servizio viaggiatori, il convoglio sarà oggetto nei prossimi mesi di prove di pre-esercizio, ovvero dovrà percorrere 5mila chilometri sulla tratta ferroviaria Cancello/Benevento.

I COMMENTI

Claudio Ricci, presidente dell'Ente provinciale sannita

'Costituiscono un grande e concreto segnale di attenzione per le aree interne sannite gli interventi programmati dalla Regione Campania per ristrutturare la rete infrastrutturale ferroviaria sulla Benevento-Cancello, sulla Benevento-Pietrelcina e sulla Benevento-Avellino, nonché per potenziare il materiale rotabile con l’entrata in esercizio di 9 nuovi treni. Si tratta di un cospicuo investimento in denaro da parte della nuova Amministrazione regionale, peraltro mobilitando risorse da troppo tempo inutilmente giacenti in cassa e colpevolmente non spesi: dunque, è una iniziativa, quella del governatore De Luca, dal significato politico ed amministrativo assolutamente chiaro a favore del Sannio. Il tutto, poi, all’insegna di un suo inequivocabile ammonimento: cioè quel 'facciamo le persone serie' con il quale il Presidente De Luca ha voluto precisare che la Regione intende investire per il Sannio e, soprattutto, che intende farlo per progetti seri ed in modo trasparente ed efficiente. E’ una bella giornata per questa provincia, dopo tanti giorni bui'.

Fausto Pepe, sindaco di Benevento

'Sia l’inizio di una nuova stagione di investimenti e programmazione. I cinque anni di governo Caldoro hanno determinato il collasso del sistema dei trasporti nel Sannio. E’ in questo settore che tocca la quotidianità di centinaia di persone e incide sulle dinamiche di sviluppo di un territorio, che questa provincia si attende una inversione di tendenza immediata rispetto al passato. La consegna del primo dei nove nuovi treni che entro la fine dell’anno saranno operativi rappresenta dunque l’inizio di un percorso. L’impegno, ora, deve essere rivolto all’ammodernamento della linea ferroviaria per consentire la diminuzione dei tempi di percorrenza sul tragitto. Il progetto già c’è. Nel 2010 fu pure approvato dalla giunta regionale di centrosinistra per poi essere definanziato da Caldoro. Bisogna recuperare il tempo perduto. D’altronde, quasi superfluo sottolinearlo, anche il progetto di rinnovamento del parco treni fa riferimento alla stagione politica antecedente alla vittoria del centrodestra. Sempre in tema di mobilità, come già evidenziato in passato bisogna ora sanare la clamorosa lacuna determinata dalla completa assenza di collegamenti ferroviari tra Napoli e Benevento nei giorni festivi. Una mancanza che certo non incoraggia i turisti che potrebbero essere interessati a raggiungere Benevento e Pietrelcina, in special modo la domenica. Un vuoto che va colmato, anche potenziando il collegamento tra i due centri del Sannio. L’auspicio, in tal senso, è che la programmazione straordinaria che dovrà accompagnare la venuta delle spoglie di San Pio prevista in febbraio, possa essere confermata anche per il futuro'.

Altre immagini