Benevento - Salernitana, un derby da vincere In primo piano

Sfida importante oggi al 'Vigorito' (fischio d'inizio alle 17,30) dove la 'strega', al di là delle assenze, degli infortunati, di qualche uomo non al massimo delle condizioni, ha assoluto bisogno di tornare alla vittoria dopo due sconfitte subite prima contro il Bari e poi a Novara.

Bisogna subito voltare pagina, anche perché due sconfitte di fila mancavano da un girone esatto di campionato. Il Benevento ad ottobre perse in rapida successione sia all’Arechi contro la Salernitana e poi a Chiavari contro, l’Entella, in un doppio turno esterno amarissimo. Ora i giallorossi si apprestano ad affrontare gli stessi avversari e vogliono vendicare quei due ko.

Si inizia oggi con la Salernitana in un derby che promette scintille e con Lucioni e compagni che devono cancellare un digiuno, conquistando una vittoria che manca dal 10 novembre 1985. E’ questa la data dell’ultima vittoria ottenuta dal Benevento al 'Vigorito' in una gara di campionato. E’ vero che da quel giorno i granata hanno fatto ritorno solo in tre occasioni nel Sannio, ma 32 anni  sono fin troppi per un derby molto sentito da entrambe le parti. Infatti oggi la Salernitana sarà seguita da quasi 1.000 tifosi, mentre per aiutare Lucioni e compagni al ritorno alla vittoria ci saranno i soliti 8.000.

Comunque, nonostante questo lungo digiuno, lo score delle gare disputate nel capoluogo sannita sono nettamente a favore dei giallorossi che nelle venti gare disputate in casa hanno conquistato 11 vittorie e 6 pareggi e soltanto in tre occasioni ha prevalso la Salernitana. Sono stati 18 i gol segnati dal Benevento e 9 quelle della Salernitana. La prima gara nella stagione 1934/1935, con la vittoria del Benevento per 3-0, l’ultima nel campionato 2014/2015 ( Lega Pro) con uno 0-0 finale. Nella 'storia' anche gare della 'vecchia' Sanvito, entrambe conclusasi sullo 0-0.

Ora per 'spezzare' questa trentennale 'maledizione' occorre oggi una vittoria, anche perché proprio la Salernitana ha eliminato i giallorossi al 'Vigorito' in Tim Cup ai calci di rigore, senza dimenticare il 2-1  del girone di andata, immeritato e che ancora oggi grida vendetta.

Poi, il ritorno alla vittoria serve all’undici di Baroni per scrollarsi da dosso  paure, tensioni, ansie, che hanno accompagnato la squadre negli ultimi  sette giorni in seguito alle sconfitte contro il Bari e nel turno infrasettimanale a Novara.

L’undici granata di Bollini giunge a Benevento in un momento difficile e quando il futuro dell’allenatore è appeso veramente ad filo, che potrebbe spezzarsi in un modo definitivo a Benevento in caso di una nuova sconfitta. Sono stati  giorni difficili per la Salernitana gli ultimi, dopo la sconfitta casalinga di martedì scorso contro la Spal, e la contestazione è stata forte contro la squadra, l’allenatore e soprattutto la dirigenza che nel mercato invernale ha agito pochissimo sul mercato.

I granata giungono al 'Vigorito' dopo un ritiro punitivo e senza un uomo importante come Vitale che deve scontrare un turno di squalifica. Però, gli uomini importanti non mancano, come gli attaccanti Coda e  Donnarumma, senza dimenticare l’ex giallorosso Zito, che sulla fascia spinge tantissimo. Abitualmente mister Bollini schiera la squadra con un classico 3-5-2, con un centrocampo molto folto, ma a Benevento  potrebbe cambiare registro affidandosi ad un 3-4-3 più offensivo.

Da parte sua Baroni ancora una volta dovrà fare a meno degli infortunati De Falco, Puscas e Piscitelli, ma, dopo tanto tempo, tra i 23 convocati c’è Eramo, che, comunque, partirà dalla panchina. Molte perplessità anche sulla presenza di Ceravolo, che, comunque, è stato convocato ma dopo  l’infortunio subito martedì a Novara si è allenato pochissimo, ed ha  passato le giornate tra piscina e palestra. In non buone condizioni anche Cissè e Ciciretti, che, però, dovranno stringere i denti e scendere in campo.

Per il resto, ci dovrebbe essere il ritorno di Venuti e Pezzi sulle fasce, mentre i centrali saranno sempre Camporese e Lucioni, che intende festeggiare nel modo migliore il 'regalo' che gli ha fatto la consorte Valeria  con l’arrivo del primogenito Gabriele. Un 'fiocco' azzurro che è stato festeggiato tantissimo dai compagni e dai tifosi sempre più legati  allo 'zio' capitano. Il centrocampo dovrebbe essere formato da Viola e Del Pinto o Chibsah, mentre  i trequartisti (Falco, Ciciretti e Cissè) giocheranno alle spalle di Ceravolo. Se poi quest’ultimo sarà assente allora centrale potrebbe essere Cissè, con l’inserimento di Pajac o Melara  sulla fascia.

Per dirigere il difficile derby è stato designato un arbitro molto esperto, cioè Luigi Nasca di Bari. Si tratta di un ottavo anno in serie B, dove ha diretto ben 159 gare, con 68 vittorie delle squadre di casa, 58 pareggi e  33 successi delle compagini in trasferta, con 51 rigori concessi e 62 espulsi. In totale nella sua carriera ha diretto 219 partite, di cui  4 in serie A, 169 in B e 56 in Lega Pro. Il suo score parla di 101 successi delle squadre di casa, 74 pareggi e 44 successi delle compagini in trasferta. Sono stati 73 i rigori concessi ed 87 gli espulsi. Come collaboratori di linea sono stati designati Enrico Caliari di Legnago ed Antonio Santoro di Catania, IV uomo Marco Piccinini di Forlì.

Tre i precedenti di Nasca con il Benevento con due vittorie (Cassino - Benevento 1-2 e  Benevento - Arezzo 2-1) ed un pareggio (Crotone - Benevento 1-1). Sono sei, invece, i precedenti con la Salernitana, con 2 vittorie, 2 pareggi e 2 sconfitte.

Ecco il programma  della 29esima giornata, VIII di ritorno, con la maggior parte delle gare che si sono svolte nel pomeriggio di ieri.

▪ Ascoli - Novara 1-2

▪ Avellino - Perugia 0-5

▪ Carpi - Spezia 1-0

▪ Cesena - Vicenza 1-1

▪ Spal - Pisa 1-1

▪ Ternana - Vercelli 1-2

▪ Trapani - Latina 1-1

▪ Entella - Bari 2-0

Le altre gare sono in programma tra questo pomeriggio ed il posticipo di lunedì sera.

▪ Brescia - Verona domenica 5 ore 15 (Aureliano - De Troia - Rossi - Pillitteri)

▪ Benevento - Salernitana  domenica 5 ore 17,30 ( Nasca - Caliari - Santoro - Piccinini)

▪ Frosinone - Cittadella lunedì 6 ore 20,30 ( Minelli - Borzomi - Tardino - Valiante)

In attesa delle ultime tre gare, oggi si parte con la seguente classifica:

Frosinone e Spal 52, Verona 49, Benevento (-1) 46,  Bari, Perugia e Novara 43, Cittadella ed Entella 42, Spezia 41, Carpi 40, Avellino 36, Ascoli 34,  Vercelli, Salernitana e Pisa (-1)  32, Brescia, Cesena e Latina 31, Vicenza 30, Trapani 26, Ternana 23.

GINO PESCITELLI

Altre immagini