Benevento Calcio, contro il Carpi bisogna dimenticare il passo falso di Ferrara In primo piano

Dopo aver iniziato il 2017 con la sconfitta di Ferrara contro la Spal, il Benevento vuole subito rialzare la testa questo pomeriggio (fischio d'inizio alle 15,00) al 'Vigorito' dove scenderà il Carpi di mister Castori ma anche dell’ex giallorosso Raffaele Bianco, che oggi della compagine emiliana è anche il capitano e la 'mente' del centrocampo.

Indubbiamente la sconfitta contro la Spal ha lasciato il segno non tanto per il risultato e per il modo in cui è venuta (su due tiri da fermo), ma soprattutto per qualche errore di troppo della difesa giallorossa, ma anche dell’intera squadra che ha lasciato troppo l’iniziativa ai padroni di casa. Praticamente il Benevento ha cercato di tenere testa alla Spal soltanto per una mezz’ora. Ed al di là per le troppe assenze per infortuni e squalifiche nel mirino del dopo gara c’è stato anche l’allenatore Baroni per l’undici schierato dall’inizio con Chisbah e Ceravolo in panchina. Ed infatti quando quest’ultimo è sceso in campo subito si è visto un Benevento più intraprendente, ed anche vicino al pareggio (prima con Cissè e poi con lo stesso Ceravolo) prima del raddoppio, quasi al 90’, dei padroni di casa.

Ora dietro la porta c’è la gara contro il Carpi per dimenticare il passo falso di Ferrara, e per l’occasione Baroni qualche infortunato (Lopez, Ciciretti e Venuti) l’ha recuperato, ma dovrà ancora rinunciare a Padella, Buzzegoli e De Falco, questi ultimi due ancora per un periodo abbastanza lungo.

Non sono certamente molte le sfide tra il Benevento ed il Carpi, che si sono affrontati soltanto nel girone di andata (risultato finale di 1-1 con il vantaggio di Falco ed il pareggio dei biancorossi con Catellani ad otto minuti dalla fine) e nel torneo di Lega Pro 2011/2012, con la vittoria del Carpi nell’allora 'Santa Colomba' per 1-0 (rete di Concas in avvio di ripresa) ed il pareggio in Emilia nel girone di ritorno (1-1 rete di Memushaj per il Carpi e pareggio della 'strega' con Cia).

Questo pomeriggio il Benevento vuole vendicare il ko interno del 27/11/2011, ma non sarà certamente facile dal momento che il Carpi (sesto in classifica  con 33 punti, 3 in meno dei giallorossi) è assolutamente una squadra da trasferta, tutta difesa e contropiedi micidiali. Ed a tal proposito i numeri sono chiari: l’undici di Castori ha conquistato 17 punti nelle 11 gare esterne disputate, il miglio rendimento  in trasferta della serie B. Pratica un gioco di rimessa, che soltanto due anni fa ha fruttato alla compagine di Castori una sorprendente promozione in serie A, purtroppo subito finita. Perciò è una squadra alla quale bisogna fare molto attenzione, che pratica un 4-4-1-1 molto efficiente con Lasagna unica punta ben supportato da Lollo alle sue spalle. Poi un centrocampo a quattro molto efficiente, con Bianco che è il vero leader. Comunque nel Carpi sono previste assenze di rilievo come quelle di Concas, Colombi, Gaudio, Romagnoli e Gagliolo per squalifica, ma questo certamente non dovrebbe incidere molto sulla pericolosità e la bravura dell’undici emiliano.

Da parte sua mister Baroni potrà recuperare Lopez, Venuti e Ciciretti (i primi due partiranno dalla panchina), ma dovrà ancora fare a meno di pedine importanti (Padella, Buzzegoli e De Falco, con questi ultimi due che certamente saranno assenti ancora per un bel po’ di tempo). Rispetto a Ferrara certamente qualcosa cambierà soprattutto a centrocampo, dove al fianco di Eramo ci sarà  Chisbah e non Del Pinto. Per il resto, Cragno a guardia della rete, poi Lucioni e Camporese centrali e Gyamfi e Pezzi sulle fasce, dal momento che  Venuti e Lopez non sono al meglio, anche se risultano tra i 21 convocati e si accomoderanno in panchina. Per il resto dovrebbe riprendersi il suo posto Ciciretti (nelle due gare in cui è stato assente per squalifica l’assenza si è fatta sentire), andando a comporre con Falco e Cissè il trio dei  trequartisti alle spalle dell’unica punta Ceravolo. Quindi, praticamente, un Benevento votato all’attacco. In panchina, insieme a Gori, andranno Bagadur, Del Pinto, Melara, Pajac, Lopez, Venuti ed uno tra  Donnarumma  e Brignola. In tribuna Perucchini, pure convocato, oramai già con la maglia del Lecce. Tra i convocati, invece, non ci sono Puscas e Jakimovski

Alternative almeno per il momento mister Baroni non ne ha, anche perché dal 'mercato' (che si chiuderà martedì 31 alle 23) non sono arrivate buone notizie e, dopo l’arrivo di Eramo, il Benevento è in un vero e proprio empasse, con tanta carne a cuocere ma nessuna trattativa conclusa. Insomma, Di Somma sta incontrando tantissime difficoltà, mentre tutte le altre squadre si stanno rinforzando.

Come si sa il Benevento è alla ricerca urgente di un esterno d’attacco ma Acosty è definitivamente sfumato (è andato al Crotone), ed a questo punto occorrono anche un centrocampista ed un difensore, se si considera che i recuperi di Padella, Buzzegoli e De Falco si presentano abbasta lunghi. Insomma sono sorte nuove emergenze e gli ultimi giorni di 'mercato' saranno decisivi. Tanti i nomi che si fanno (Selassi del Pescara per il centrocampo, Giannetti del Cagliari come esterno), ma intanto c’è poco tempo a disposizione e bisogna decidersi.

Intanto Campagnacci è già andato al Siena, Perucchini è pronto per approdare al Lecce (quindi occorrerà anche un nuovo portiere da affiancare a Cragno e Gori perché Piscitelli è infortunato e ne avrà almeno per tre mesi), Puscas e Jakimovski dovrebbero essere ceduti.

Per la gara di questo pomeriggio contro il Carpi è stato designato Gianluca  Aureliano della sezione di Bologna. Si tratta di un direttore di gara espertissimo, un nono anno, che ha diretto 153 gare, con uno score di 68 vittorie delle squadre di casa, 52 pareggi e 33 successi delle compagini in trasferta. Sono stati 74 i rigori concessi e ben 95 gli espulsi, quasi uno ogni due  gare dirette. Quindi, bisognerà fare molta attenzione. Il direttore di gara di Bologna ha incrociato i giallorossi già in sette occasioni, con una sola vittoria del Benevento, tre pareggi e tre sconfitte. Quest’anno già due volte ha 'fischiato' la 'strega' con due pareggi (Latina - Benevento 1-1 con rete di Pajac e Benevento - Perugia 0-0). Sono 3 i precedenti con il Carpi, con 1 vittoria, 1 pareggio ed 1 sconfitta. L’arbitro bolognese sarà coadiuvato dagli assistenti di linea Vincenzo Soricaro di Barletta ed Alfonso D’Apice di Parma, Giuseppe Strippoli di Bari il IV uomo.

Ecco le gare di questo 23esimo turno di campionato, seconda di ritorno, con la 'Quaterna' arbitrale:

▪ Frosinone - Brescia 1-0

▪ Avellino - Entella sabato 28 ore 15 (Minelli - Opromolla - Rossi - Vigile)

▪ Bari - Perugia sabato 28 ore 15 (Marini - Baccini - Sechi - Massimi)

▪ Benevento - Carpi sabato 28 ore 15 (Aureliano - Soricaro - D’Apice - Strippoli)

▪ Cesena - Ascoli sabato 28 ore 15 (Abisso - Bellutti - Grossi - Candeo)

▪ Novara - Pisa sabato 28 ore 15 (Minardi - Cangiano - Muto - Pinzani)

▪ Vercelli - Trapani sabato 28 ore 15 (Manganiello - Colella - Robilotta - Mantelli)

▪ Ternana - Cittadella sabato 28 ore 15 (Saia - Raspollini - Lanza - Zingarelli)

▪ Vicenza - Spal sabato 28 ore 15 (Ghersini - Bottegoni - Chiocchi - Sozza)

▪ Verona - Salernitana domenica 29 ore 17,30 (Pasqua - Zappatore - Villa - La Penna)

▪ Spezia - Latina lunedì 30 ore 20,30 (Serra - Bozzomì - Guito - Cipriani

Ecco l’attuale classifica dopo l’anticipo Frosinone - Brescia:

Verona e Frosinone 41, Spal 39, Cittadella 37, Benevento (-1) 36, Carpi 33, Entella 32, Perugia 31, Bari 29, Novara e Spezia 28, Salernitana, Ascoli e Brescia 27, Latina e Vicenza 26, Vercelli, Pisa ed Avellino 24, Cesena 23, Ternana 20, Trapani 16.

GINO PESCITELLI 

Altre immagini