Benevento Calcio: dopo la crisi occorre la riscossa In primo piano

Dopo aver conquistato un solo misero punticino, quello contro il Perugia al 'Vigorito', in quattro gare, con tre sconfitte, per il Benevento è giunta l'ora di voltare pagina, ed anche immediatamente.

L’occasione propizia dovrebbe essere quella di questo pomeriggio quando al 'Vigorito' (fischio d’inizio alle 15) sarà di scena lo Spezia di Di Carlo, che sulla panchina avrà come suo secondo l’ex  giallorosso Claudio Valigi, che con la 'strega' ha disputato 39 gare  in un anno e mezzo di permanenza  nelle stagioni 91/92 e 92/93.

Un appuntamento che certamente non si preannuncia agevole per i giallorossi  che dovranno affrontare uno Spezia che nell’ultima giornata  ha fermato sul pareggio il Cittadella e che ora con 17 punti è in piena zona play off.

Per Lucioni e compagni, però, l’imperativo è uno solo e non hanno scuse: bisogna tornare  a vincere, per mettersi alle spalle una crisi che potrebbe essere pericolosa. E per farlo, contro uno Spezia che attraversa un ottimo momento,  bisogna tornare ad essere famelici, mettendosi soprattutto alle spalle la bruttissima esibizione di martedì scorso a Trapani, dove la squadra ha dimostrato di essere spenta, mentalmente scarica ed incapace  di reagire alle difficoltà ed agli errori commessi. Insomma, bisogna  dimostrare di aver capito tutto quello che non è andato contro il Trapani  di Cosmi, quando per gli interi 90’ Lucioni e compagni sono stati in balia dei padroni di casa.

La squadra non è stata capace di scuotersi dopo aver subito la rete, di testa, del 'piccoletto' Citro, che ha avuto la meglio sui 'giganti' Lucioni e Padella, dopo aver superato Venuti.

Assolutamente a Trapani i giallorossi non sono riusciti a calarsi nella partita, ed a ciò dobbiamo aggiungere gli errori di Baroni per quanto riguarda l’undici fatto scendere in campo, con scelte che molti hanno condannato. Al 'Provinciale' di Trapani i giallorossi sono sembrati 'assenti ingiustificati' per tutti i 90’ anche per le scelte sbagliate  dell’allenatore, che ha schierato a centrocampo due mediani di interdizione (Del Pinto e Chisbah) rinunciando ad almeno un centrocampista di costruzione (De Falco o Buzzegoli). A ciò  dobbiamo aggiungere l’appannaggio fisico dei trequartisti Melara, Falco e Ciciretti, schierati tutti insieme, che hanno dimostrato soltanto personalismi e leziosismi, abbandonando a se stesso l’unica punta Ceravolo.

Quando, Baroni ha cercato qualche cambiamento oramai era tardi, ed anche l’ingresso di Cissè è stato inutile. Poi, lo stesso giocatore ha meritato il 'rosso' ed è stato squalificato per due turni. A questo punto è necessario cambiare registro, anche inserendo giocatori che fino ad ora  sono stati utilizzati pochissimo, ma soprattutto i giallorossi sono chiamati a  far valere il fattore campo, ricordando che gli 'stregoni' non perdono  in casa una partita di campionato da quasi due anni (dall’1-2 subito dal Lecce il 23 novembre del 2014).

Il compito che attende Lucioni e compagni non è certamente facile, se consideriamo che dovranno affrontare uno Spezia in ottima salute. L’allenatore Di Carlo potrà contare sull’intera 'rosa' a disposizione, dopo  aver recuperato anche Sciaudone e Signorelli, ed è intenzionato a schierare la squadra con un 4-3-3 di partenza che poi potrebbe diventare  un 4-3-1-2. La difesa giallorossa dovrà fare molta attenzione ai vari Nenè, Granoche e Pin, capaci di colpire in ogni momento.

Da parte sua Baroni potrebbe cercare di dare un po’ di respiro a giocatori che fino ad ora sono stati sempre utilizzati, come Lucioni e Padella. Potrebbe essere l’ora di Camporese o Bacadur in difesa, come pure di Gyamfi sulla fascia al posto di Venuti. A guardia della rete certamente ci sarà Cragno, con Lopez sulla fascia sinistra, che dovrà stare molto attento perché caduto in diffida. A centrocampo dovrebbe rientrare Buzzegoli, mentre l’altra maglia se la giocano De Falco e Del Pinto. Per il resto, dovrebbero essere confermati Falco e Ciciretti, mentre in appoggio a Ceravolo potrebbe finalmente essere schierato Puscas, al rientro dopo il lungo infortunio ad una mano.

Soltanto all’ultimo Baroni farà le proprie scelte dopo aver vagliato varie situazioni, comunque i convocati sono 22, con le sole assenze dello squalificato Cissè e dell’infortunato Jakimovski. In tribuna dovrebbero andare Perucchini ed il giovane Brignola, mentre tutti gli altri o in campo  o sulla panchina pronti ad entrare nel corso della gara.

A dirigere la non facile gara di questo pomeriggio è stato designato un arbitro esperto, Eugenio Abbatista di Molfetta, un V anno che ha diretto fino ad ora 137 gare, di cui 3 in serie A, 76 in B e 58 in Lega Pro. Sono tre i precedenti con il Benevento, con due vittorie (Benevento - Foligno 2-0 e Benevento - Sorrento 1-0) ed una sconfitta (Benevento - Ternana 0-2),  mentre lo Spezia con Abbattista non ha mai vinto (2 sconfitte e tre pareggi). L’arbitro Abbattista ha uno score di  59 vittorie dei padroni di casa, 52 pareggi e 26 successi delle compagini in trasferta, con 26 rigori concessi e 65 espulsi. Come si vede dovrebbe essere un arbitro casalingo ma bisognerà fare molta attenzione ai cartellini.

A collaborare con il direttore di gara di Molfetta sono stati designati  Marco Citro di Battipaglia e Lorenzo Gori di Arezzo, mentre da IV uomo agirà Antonio Di Martino di Teramo.

Ecco le gare di questo dodicesimo turno con la 'quaterna' arbitrale:

▪ Bari - Pro Vercelli  sabato 29 ore 15 (La Penna - Villa - Rossi - Balice)

▪ Benevento - Spezia  sabato 29 ore 15 (Abbattista - Citro - Gori - Di Martino)

▪ Carpi - Ascoli sabato 29 ore 15 (Marini - D’Apice - Galotto - De Angeli)

▪ Cittadella - Latina sabato 29 ore 15 (Mainardi - Bindoni - Cecconi - Sozza)

▪ Frosinone - Cesena sabato 29 ore 15 (Pasqua - Zappatore - Intagliata - Robilotta)

▪ Salernitana - Pisa sabato 29 ore 15 (Aureliano - Ballutti Di Salvo . Fiorini)

▪ Ternana - Novara sabato 29 ore 15 (Piccinini - Dei Giudici - Rossi- Mancini)

▪ Entella - Brescia sabato 29 ore 15 (Sacchi - Rispollini - Sechi - Cipriani)

▪ Verona - Trapani  domenica 30 ore 15 (Baroni - Prenna - Lanotte - Sechi)

▪ Vicenza - Perugia domenica 30 ore 17,30 (Abisso - Santoro - Muto - Maggioni)

▪ Spal - Avellino lunedì 31 ore 20,30 (Martinelli - Baccioni - Olivieri - Prontera)

GINO PESCITELLI

Altre immagini