Calci e pugni ad una connazionale per riscuotere il pizzo sull'attività di meretricio. Arrestata rumena In primo piano

Gli agenti della Questura di Benevento hanno tratto in arresto una donna di nazionalita' rumena, rea di aver aggredito una connazionale.

Giunta nel capoluogo sannita da Napoli, la donna ha preteso dalla vittima la somma di circa 300 euro come percentuale settimanale sull’attività di meretricio esercitata in città.

Al rifiuto, ha aggredito con calci e pugni la connazionale al fine di ottenere quanto richiesto, minacciandola altresì di morte e causandole lesioni ritenute guaribili in 4 giorni.

La donna, già gravata da precedenti di polizia, dopo le formalità di rito è stata condotta presso il carcere di Capodimonte, come disposto da pubblico ministero di turno.

Altre immagini