Calcio: Benevento al 'Cibali' per una missione quasi impossibile In primo piano

Il buon Enrico Ameri, nel suo storico 'Tutto il calcio minuto per minuto' che un tempo la domenica pomeriggio teneva tutti incollati alla Radio, il 15 maggio 1998 avrebbe detto: 'Clamoroso al Cibali, il Benevento ha superato il Catania per 2-0'.

Si è proprio così. La 'strega' al vecchio 'Cibali' di Catania, oggi diventato 'Massimino', una sola volta è riuscita ad uscire imbattuta, ed era nel maggio 1998, quando Guida e D’Isidoro permisero ai giallorossi, allora allenati da Pino Raffale, che da poco aveva sostituito in panchina Massimo Silva, di portare a casa i tre punti.

Da allora il 'catino' catanese è stato sempre tabù per i sanniti. Da aggiungere che il questo torneo.

Il Catania è una vera e propria 'corazzata', e senza i pesanti 11 punti di penalizzazione sarebbe al secondo posto della classifica, dietro alla 'lepre' Casertana. E’ vero che la squadra di Pancaro non vince sul proprio terreno dallo scorso ottobre (3-2 con il Martina), collezionando poi due pareggi contro Akragas e Foggia, ma proprio questo rende la gara dei giallorossi ancora più difficile, dal momento che i siciliani, dopo la vittoria esterna di domenica scorsa, vogliono riproporsi innanzi al proprio pubblico per tirarsi definitivamente fuori dagli attuali bassifondi della classifica.

Insomma questo pomeriggio per il Benevento (fischio d’inizio alle 15) una trasferta quasi impossibile al 'Cibali - Massimino' contro un Catania che viaggia con il vento in poppa, e che ha tra le proprie file quel Calil, capocannoniere, che anche in Sicilia sta facendo sfraceli, bissando il bellissimo torneo disputato lo scorso anno a Salerno. Ecco, al Benevento di oggi manca proprio un 'puntero' come Calil, ed è tutto da vedere se la difesa sannita riuscirà a fermarlo, anche perché sarà assente per squalifica capitan Lucioni. Il che non è poco. Ma non soltanto Calil un pericolo per i giallorossi, dal momento che gli attaccanti giallorossi fino ad ora sono andati a rete 12 volte (7 reti per Calil), mentre per quanto riguarda il Benevento il solo Marotta è riuscito ad andare in gol a Caserta.

A questo dobbiamo aggiungere che il Catania è in buona salute, e mister Pancaro per la gara di questo pomeriggio ha potuto recuperare anche l’esperto Russotto e dovrà rinunciare soltanto agli infortunati Castiglia, Parisi, Falcone e Battistini.

Per Auteri, che ritorna nella 'sua' Sicilia, invece, ancora tanti problemi fi formazione. Sempre assenti gli infortunati 'cronici' Campagnacci, Vitiello e Mucciante, ha dovuto rinunciare anche a Bianco e Porcaro ed allo squalificato Lucioni. Quindi, soltanto venti i convocati che si sono imbarcati sull’areo per Catania ieri pomeriggio all’aeroporto di Capodichino, e pochissimi dubbi di formazione, legati soprattutto all’utilizzazione di Mazzarani.

Con Gori a guardia della rete, la difesa a tre dovrebbe essere formata da Padella, Mattera e Pezzi o Bonifaci, poi centrocampo affidato a De Falco e Del Pinto o Cruciani, con Melara e Som sulle fasce se Mazzarani non dovesse farcela, infine in attacco dovrebbe ricomparire la coppia Marotta- Mazzeo,con Ciciretti al loro fianco. In panchina anche il giovane Petrone, insieme a tutti gli altri disponibili.

Un solo ex tra le due squadre: si tratta di Fabrizio Ferrigno, che nella stagione ’94-’95 ha vestito la maglia giallorossa e che attualmente è responsabile dell’area tecnica del Catania.

In terra siciliana certamente i giallorossi troveranno un ambiente caldo e serviranno esperienza ma anche gambe veloci per colpire in contropiede, così come avere idee chiare per non farsi irretire dalla squadra etnea. Insomma, sarà una missione davvero difficile.

A dirigere la gara è stato designato il IV anno Fabio Piscopo di Imperia, nessun precedente con entrambe le squadre. Il 'fischietto' ligure fino ad ora ha diretto 50 gara in Lega Pro, con 22 vittorie delle squadre di casa, 18 pareggi e soltanto 10 successi delle compagini in trasferta. Si tratta di un arbitro particolarmente severo, che ha concesso 13 rigori e comminato 14 espulsioni. Come collaboratori di linea sono stati designati Daniele Stazi di Ciampino e Stefano Squarcia di Roma 1.

Ecco di seguito il programma delle gare di questa quattordicesima giornata:

Juve Stabia - Ischia sabato 5 ore 14

Catania - Benevento sabato 5 ore 15

Matera - Paganese sabato 5 ore 17,30

Lecce - Messina sabato 5 ore17,30

Cosenza - Melfi sabato 5 ore 20,30

Catanzaro - Andria sabato 5 ore 20,30

Akragas - Foggia domenica 6 ore 14,30

Casertana - Monopoli domenica 6 ore 15

Martina Franca - Lupa Castelli Romani domenica 6 ore 17,30

GINO PESCITELLI

Altre immagini