Calcio, il Benevento a Brescia per dimenticare Cittadella e blindare i play off In primo piano

Pasquetta innanzi alla televisione quest'anno per i tifosi della 'strega'. Addio alla gita fuori porta ed alle 15 fischio d'inizio di Brescia - Benevento, con i giallorossi che nello storico 'Rigamonti' della città da tutti conosciuta come 'La leonessa d'Italia' dovranno cercare di aver dimenticato la non bella prestazione di Cittadella.

Per raggiungere l’importante obiettivo, e blindare quei play off ai quali ai quali oramai si punta nelle ultime sette gare del torneo regolare, Lucioni e compagni dovranno dimostrare il giusto approccio alla gara e soprattutto  essere concentrati ed attenti  fin dal primo minuto. Nelle ultime esibizioni esterne i giallorossi hanno sempre subito reti  nei primi minuti, e proprio questo bisogna evitare contro la squadra di Gigi Cagni, che sul terreno amico è particolarmente pericolosa.

E’ la prima volta della 'strega' al 'Rigamonti' di Brescia, ma quante storie si intrecciano tra le due squadre. Chi ha un po’ di capelli bianchi certamente ricorda i vari Penzo, D’Ottavio, Paolucci, Crialesi, Tedoldi, Nicolini, Pierleoni che hanno vestito sia la casacca giallorossa che quella del Brescia. Ma non finisce qui. Ci sono infatti il beneventano doc Gigi Corino, ed ancora Pittilino, Zoboli, Facchi, Garzelli, Sabatini, Fogar, Alfageme e perfino Pedro Mariani che hanno scritto un pezzo di storia calcistica sia a Benevento che a Brescia, senza dimenticare tantissimi allenatori (Materazzi, Rampanti Lamberti, Bassi) che si sono seduti su entrambe le panchine. Ed infine, per venire ai giorni d’oggi, Cragno, Lopez e Venuti oggi in giallorosso ma in passato con la maglia del Brescia.

Questo pomeriggio sia Venuti che Lopez dovrebbero essere  in campo con la maglia della 'strega', mentre per Cragno si attende il 'miracolo' dopo l’operazione al menisco. Il 'portierone' giallorosso, oramai sulla via della completa guarigione, è tra i 23 convocati ma è difficile che Baroni lo schieri subito in campo al posto di Gori. Comunque per lui  il conto alla rovescia è iniziato, e questo è importantissimo per questo finale di torneo.

Per il Benevento la prima volta che scende in campo al 'Rigamonti', ma per l’allenatore Baroni quel campo può essere considerato abbastanza fortunato. In passato sette volte ha incontrato i bianco-azzurri, quando allenava Lanciano, Pescara e Novara, con 4 vittorie, 2 pari ed una sola sconfitta. Per non dimenticare il 4-0 del girone di andata, al termine di una delle più belle gare disputate dai giallorossi al 'Vigorito'. Invece, i due allenatori (Cagni e Baroni) non si sono mai contrati, ma nella stagione 96/97 a Verona, in serie A, Baroni chiamava Cagni 'mister'.

Senza mezzi termini questo pomeriggio al 'Rigamonti' il Benevento cerca il riscatto dopo la sconfitta subita contro il Cittadella. Per i lombardi, invece, gli alibi sono finiti, e debbono assolutamente vincere per continuare a sperare  di evitare i play out. Ma l’impresa non si presenta facile per gli uomini di Cagni, anche perché la situazione è cambiata poco da quando è sulla panchina biancoazzurra. Per giunta il Brescia dovrà oggi rinunciare ad un elemento importante come l’attaccante Bonazzoli, ed anche la presenza di Caracciolo è in dubbio. Quindi un Brescia con l’attacco spuntato, dove il solo Ferrante è certo di una maglia. Insomma per l’allenatore del Brescia tanti dubbi di formazione, e soltanto all’ultimo  farà la scelta degli uomini da schierare. Fino ad ora nel proprio stadio i lombardi hanno conquistato 26 dei 35 punti che hanno in classifica, ma le 'rondinelle' non vincono dal 4-1 al Cittadella dello scorso 24 febbraio, e  non conquistano i tre punti da ben otto giornate.

Per Baroni, invece, soltanto diversi nodi da sciogliere soprattutto a centrocampo e per quanto riguarda il modulo. C’è ballottaggio tra i pali tra Gori e Cragno, ma tra i 23 convocati ci sono anche Alastra e Piscitelli, mentre sulle fasce dovrebbero giocare gli ex Venuti e Pezzi. Naturalmente  i centrali saranno Camporese e Lucioni, ma tra i convocati dopo diversi mesi c’è anche Padella. Dalla panchina dovrebbe partire Pezzi. I maggiori dubbi  riguardano il centrocampo, e, come abbiamo scritto prima, il modulo di gioco. Non ci sarà lo squalificato Ciciretti, ma ha recuperato Falco che scenderà in campo dal promo minuto. Questo dovrebbe  spingere Baroni a ritornare al 4-2-3-1, con Eramo e Viola nel reparto centrale, Melara e Del Pinto sulle fasce e Falco alle spalle di Ceravolo. Naturalmente, partirebbero dalla panchina sia Cissè che Puscas, anche lui tra i convocati, questo se Baroni non deciderà di schierare un 4-3-3  senz’altro più offensivo. Comunque, sono  pronti ad entrare sin dal promo minuto sia Buzzegoli che De Falco, Insomma per Baroni tutti i centrocampisti a disposizione e soltanto all’ultimo deciderà, ma ha già messo tutti sull’avviso: occorrono 11 lottatori perché la trasferta è difficile.

Per dirigere Brescia - Benevento è stato designato un direttore di gara molto esperto, il 39enne  Alessandro Di Paolo, alla sua sesta stagione nella Can B, con 112 incontri diretti ed uno score di 48 vittorie delle squadre di casa, 37 pareggi e 27 vittorie in trasferta, 33 rigori concessi e 35 espulsi. In totale nella sua carriera ha fischiato in  186 gare, di cui 2 in serie A, 112 i n B e 72 in Lega Pro, con 85  vittorie delle squadre di casa, 59 pareggi e 42 vittorie esterne, 54 rigori concessi e 56 espulsioni.  Sono tre i precedenti con il Benevento con un pareggio (1-1 contro la Vibonese nella stagione 2008), poi le due gare contro il Novara in questa stagione (1-0 per i giallorossi al 'Vigorito' e stesso risultato con sconfitta dei  Benevento a Novara). Sono, invece, 13 i precedenti per il Brescia, con 7 vittorie, 1 pari e 5 sconfitte. Collaboratori di linea sono stati designati Pietro Dei Giudici di Latina ed Alfonso D’Apice di Parma, IV uomo Davide Miele di Torino.

Queste le gare di questo 36esimo  turno di campionato, XV di ritorno, con la 'quaterna' arbitrale:

▪ Spal - Trapani lunedì 17 ore 12,30 (Sacchi - De Troia - Fiore - Maggioni)

▪ Brescia - Benevento lunedì 17 ore 15 (Di Paolo - Dei Giudici - D’Apice -Miele)

▪ Carpi - Bari lunedì 17 ore 15 (Aureliano - Cecconi - Muto - De Angeli)

▪ Frosinone - Novara lunedì 17 ore 15 (Abisso - Santoro - Sechi - Pasqua)

▪ Verona - Cittadella lunedì 17 ore 15 (Pinzani - Rossi - Tardino - Mantelli)

▪ Perugia - Ascoli lunedì 17 ore 15 (Martinelli - Cangiano - Opromolla- Marchetti)

▪ Salernitana - Latina lunedì 17 ore 15 (Rapuano - Baccini - Galetto -Luciano)

▪ Vicenza - Vercelli lunedì 17 ore 15 (Nasca - Rossi - Grossi - Sozza)

▪ Entella - Ternana lunedì 17 ore 15 (Mainardi - Citro - Formato - Bertoni)

▪ Pisa - Avellino lunedì 17 ore 18 (Piccinini - Colarossi - Pagnotta - Minelli)

▪ Cesena - Spezia lunedì 17 ore 20,30 (Ghersini - Chicchi - Bresmes - Massimi)

Si parte con questa classifica:

Spal 64, Frosinone 62, Verona 59, Benevento (-1) e Cittadella 54, Perugia 52, Spezia 51, Entella e Bari 50, Carpi 48, Novara 47, Salernitana 46, Vercelli 42, Avellino (-3) 41, Cesena ed Ascoli 39, Trapani 38, Vicenza 37, Brescia e Ternana 35, Pisa (- 4) 32, Latina (-2) 31.

GINO PESCITELLI

Altre immagini