In primo piano - Calcio: il Benevento a Castellammare per mantenere la vetta

Calcio: il Benevento a Castellammare per mantenere la vetta In primo piano

Oggi per il Benevento (fischio d'inizio alle 15) e' nuovamente campionato con il terzo, ed ultimo, derby di questo mese di marzo. E dopo le vittorie contro Casertana e Paganese certamente i giallorossi cercheranno il tris contro la Juve Stabia. Questo anche per far trascorrere ai propri una buona Pasqua.

Purtroppo, però, per la gara di questo  pomeriggio i giallorossi non potranno avere l’apporto del tifo, dal momento che lo spazio del “Menti” riservato ai tifosi ospiti  continua ad essere chiuso. Per la prima volta, quindi, in questo torneo Lucioni e compagni non avranno al proprio fianco il tifo organizzato. Eppure erano tanti quelli già pronti per il viaggio nella vicina Castellamare di Stabia. Per la “strega” una difficoltà in più, sperando che non crei problemi, anche perché la Juve Stabia sta chiamando a raccolta i propri tifosi e certamente questo pomeriggio il “Menti” sarà pieno  per la sfida contro la capolista.

Nemmeno un po’ di riposo per i giallorossi dopo la vittoria di sabato scorso contro la Paganese, a causa delle due trasferte ravvicinate. Poi, dopo la gara di questo pomeriggio, finalmente un po’ di riposo dal momento che si ritornerà in campo sabato 2 aprile per affrontare al “Vigorito” l’Ischia.

Quindi già  all’indomani della gara contro la Paganese ripresa degli allenamenti, questa volta in città e nell’antistadio “Imbriani” che dispone del sintetico. Questo per permettere ai giocatori di abituarsi al terreno di gioco che oggi troveranno al “Menti”.

Tutti presenti i giocatori della “rosa”, naturalmente con l’assenza di Campagnacci e Raimondi, gli unici due attualmente infortunati. Per Campagnacci ancora un paio di settimane di riposi, mentre preoccupa tanto l’infortunio subito da Raimonsi. Per ora si parla di una seria distorsione al ginocchio, in attesa di nuovi esami che potrebbero  far diventare l’infortunio ancora più serio. Per mercoledì pomeriggio è in programma la risonanza magnetica  per stabilire in modo certo la portata dell’infortunio subito  nel finale della gara di Pagani.

Non è certamente facile  per i giallorossi la gara del “Menti”, anche se la capacità di soffrire è tipica delle grandi squadre. Questo anche se  la squadra di Zavettieri certamente non attraversa un buon momento. Per l’allenatore dei gialloblu grande emergenza per l’attacco, con la sfida di sabato scorso contro il Matera che ha finito  per rendere la situazione ancora più difficile.

L’infermeria delle “vespe” è piena, con il pacchetto offensivo  ridotto all’osso. L’infortunio toccato al bomber Nicastro (per lui 8 reti fino ad ora) è più grave del previsto, e per lui si parla addirittura di stagione finita. L’allenatore non avrà a disposizione neanche Del Sante, fermo ai box da tempo, e non potrà contare  su Ripa. Squalificato, infine, anche Gomez, per cui in attacco l’allenatore avrà a disposizione soltanto Diop. Queste cose, comunque, assolutamente non dovranno condizionare il Benevento dal momento che la Juve Stabia è una squadra pericolosa, che punta ad un risultato di prestigio per tirarsi definitivamente fuori  dalla lotta per evitare i play-out.

Per quanto riguarda il Benevento soltanto alla fine Auteri  deciderà se dare vita a qualche turnover o confermare l’undici  che ha affrontato prima la Casertana e poi la Paganese. Del resto la “rosa” a disposizione si è accorciata ancora di più con gli infortuni di Campagnacci e Raimondi, e quindi  pochi sono i cambiamenti possibili soprattutto in attacco, dove  l’allenatore siciliano ha a propria disposizione soltanto Marotta, Cissè, Mazzeo e Ciciretti. Uno dei quattro partirà dalla panchina, forse Mazzeo che ancora non ha nelle gambe i 90’ minuti di autonomia. Per il resto, poco  dovrebbe cambiare in difesa con Mattera, Lucioni e Pezzi che avranno le rispettive maglie, ed a centrocampo dove la coppia Del Pinto - De Falco è inamovibile, con Melara e Lopez  sulle fasce. Naturalmente a guardia della rete ci sarà Ghigo Gori. Tutti gli altri disponibili in panchina, pronti a subentrare a qualcuno a corto di ossigeno.

Per dirigere il derby è stato designato in IV annoi Edoardo Paolini, nativo di Nocera Inferiore ma che fa parte della sezione di Ascoli Piceno. Si tratta di un arbitro molto esperto, che fino ad ora ha diretto ben 60 gare in Lega Pro con uno score di 21 successi delle  squadre di casa, 24 pareggi e  15 successi delle compagini in trasferta. Sono stati 17 i rigori concessi e 15 i rossi comminati. Due i precedenti con il Benevento, entrambi nella scorsa stagione (Martina - Benevento 0-1 con rete di Eusepi e Matera - Benevento 2-1, con Auteri all’epoca sulla panchina del Matera). Una curiosità: si tratta del direttore di gara venuto all’onore della cronaca in occasione della gara Casertana - Lecce che tante polemiche ha suscitato dopo l’infortunio di uno dei guardalinee e la sconfitta dei padroni di casa. Come  collaboratori di linea sono stati designati  Paolo Bernabei di Tivoli e  Maurizio Loni di Cagliari.

A questo punto non resta che attendere le 15 di oggi per il fischio d’inizio.

GINO PESCITELLI

 

PARTITE

CLASSIFICA

PROSSIMO TURNO

Lupa C. R. - Cosenza 0-2

Benevento (-1) 53

Juve Stabia - Benevento

Mercoledì 23/3 ore 15

Messina - Melfi 1-0

Lecce 52

 

Ischia - Paganese

Mercoledì 23/3 ore 15

Paganese - Benevento 0-1

Cosenza 48

Matera - Martina

Mercoledì 23/3  20,30

Foggia - Ischia 4-2

Casertana 47

Catanzaro - Lupa C.R.

Giovedì  24/3 ore 14

Juve Stabia - Matera 1-1

Foggia 47

Casertana - Akragas

Giovedì 24/3 ore 15

Akragas - Catania 3-2

Matera (-2) 42

Catania - Messina

Giovedì 24/3 ore 15RAI

Fi-Andria - Monopoli 0-0

Messina 40

Melfi - Fid. Andria

Giovedì 24/3 ore 15

Martina - Casertana 1-1

Akragas (-5) 35

Monopoli - Foggia

Giovedì 24/3 ore 15

Lecce - Catanzaro 4-0

Andria (-1) 35

Cosenza - Lecce

Sabato 26/3  ore 14,30

 

Paganese (-1) 34

 

Juve Stabia 32

Monopoli 29

Catanzaro 27

Catania (-10) 26

Melfi 24

Ischia (-4) 21

Martina (-1) 21

Lupa Ca.Ro. (-1) 8

Marcatori: 17 reti Iammello (Foggia); 14 reti Infantino (Matera); 13 reti Caccavalle (Paganese); 11 reti Di Piazza (Akragas), De Angelis (Casertana), Baklet (Martina); 10 reti  Calil(Catania), Sarno (Foggia); 9 reti Nicastro (Juve Stabia), Croce e Gambino (Monopoli); 8 reti Marotta (Benevento); 7 reti Razziti (Catanzaro), Cissè (Benevento), Masini (Melfi), Razziti(Catanzaro), Kanoutè (Ischia), Moscardelli (Lecce).

Altre immagini