Calcio, il Benevento in campo a Crotone con lo shock per il caso Lucioni In primo piano

Per la squadra 'Cenerentola' d'Europa già la partita di questo pomeriggio allo 'Scida' di Crotone era importante e fondamentale per il futuro, ma a questo punto dopo cio' che si è verificato nella giornata di venerdì, con la sospensione immediata del capitano Lucioni per un caso di doping, è diventata ancora più difficile sia sotto il profilo mentale e di carattere, ma anche per quanto riguarda il profilo tecnico.

Da una parte bisogna vedere quale sarà la reazione dei giocatori dopo quello che è capitato al vero uomo simbolo della squadra, dall'altra ci saranno certamente le difficoltà di Baroni quando alle 15 di oggi dovrà decidere quale undici schierare in campo.

L'allenatore toscano era riuscito in extremis a recuperare Costa per cercare di dare un volto migliore ad una difesa che in due gare ha subito ben 9 gol (5 contro il Napoli e 4 contro la Roma) dimostrando di essere il vero punto debole della squadra, ma all'improvviso ha perso Lucioni che, si sperava, avrebbe dovuto fare coppia proprio con Costa.

Ora l'allenatore è nuovamente nei guai per la gara dello 'Scida', ed è difficile che possa puntare nuovamente su Venuti centrale dopo la pessima gara disputata contro la Roma. Poi, bisogna considerare che lo stesso Costa è tra i convocati, ma certamente non è al meglio, per cui il tecnico potrebbe puntare sul giovane Gravillon, giovane quanto si vuole ma almeno difensore di ruolo.

Sulle fasce basse dovrebbero essere confermati Letizia e Di Chiara. Per quanto riguarda il centrocampo Baroni dovrebbe affidarsi agli esperti Memushaj e Cataldi, con sugli esterni Lombardi o Perugini e Lazaar, mentre la coppia d’attacco ancora una volta dovrebbe essere formato da  Coda e Puscas, dal momento che Iemmello non ha recuperato e non è neanche nell’elenco dei convocati.

Questo l'undici che Baroni  potrebbe schierare, sperando che la 'bufera' per il caso Lucioni non crei ulteriori problemi sotto il profilo psicologico.

Una cosa, però, è certa, dopo la gara di questo pomeriggio, fondamentale per il futuro, la società dovrà decidere cosa fare perché a questo punto è in rischio l'intero futuro, e non soltanto la permanenza in serie A. 

Tutto è in discussione, a cominciare dall'allenatore, dal direttore sportivo (sempre più contestato dagli sportivi), dai medici sociali. Bisogna capire, ed anche in modo preciso e chiaro, che cosa è successo e perché Lucioni è risultato positivo dopo la gara contro il Crotone.

La società (che poi si identifica nel solo Vigorito) difende a spada tratta il giocatore (e non poteva essere altrimenti) in attesa delle contro-analisi che già sono state chieste, il giocatore a chiare lettere ha detto che ha soltanto usato una pomata (il Clostebol) che gli era stata data dal medico sociale per curare una semplice escoriazione subita in allenamento ed ora bisogna appurare qual è la verità.

E' mai possibile che il medico sociale non sapesse che Clostebol è una sostanza  anabolizzante non consentita? Veramente una cosa ridicola, che fa capire che tante cose devono essere riviste all'interno della società. E sono chiarimenti, questi, che devono essere fatti subito per non pregiudicare una intera stagione.

Pertanto, la gara di questo pomeriggio a Crotone contro l'undici di Nicola è fondamentale sotto tutti i punti vista.

Le due squadre sono divise da un solo punticino in classifica e quindi anche sotto questo profilo la partita è importante. Sia Crotone che Benevento giocheranno un match fondamentale che non possono  assolutamente fallire.

E' una gara aperta ad ogni risultato che nessuno vuole perdere, e proprio per questo è stata affidata all’arbitro più esperto a disposizione. Si tratta dell'internazionale Daniele Orsato di Schio, che vanta ben 177 incontri in serie A, con 77 successi delle squadre di casa, 59 pareggi, 49 exploit esterni, con 41 rigori concessi e 51 espulsi. In totale in carriera ha diretto 316 gare, con 126 vittorie della squadre di casa, 109 pareggi  ed 81 vittorie esterne, 81 rigori concessi e 107 espulsi.

Due precedenti con il Benevento nel lontano campionato 2004/2005 con un pareggio contro la Reggina ed una sconfitta contro il Napoli, mentre al Crotone ha arbitrato 4 gare tutte perse.

Si tratta dell'arbitro più esperto in Italia (e questo dovrebbe essere una sicurezza) utilizzato tantissimo da Collina anche in Champions League. Assistenti di linea saranno Alessio Tolfo di Pordenone e Giovanni Di Liberatore di Teramo, IV uomo Antonio Di Martino di Teramo, addetti al VAR Giampaolo Calvarese di Teramo ed Alessandro Di Paolo di Avezzano.

Ecco le gare della sesta giornata di campionato.

▪ Cagliari - Chievo (Aureliano - Manganelli - Tegoni - Marinelli - VAR Pasqua e Marrazzo)

▪ Crotone - Benevento (Orsato - Tolfo - Di Liberatore - Di Martino - VAR Calvarese e Di Paolo)

▪ Fiorentina - Atalanta (Pairetto - Ranghetti - Tasso - Martinelli - VAR Manganiello e Marini)

▪ Hellas Verona - Lazio (Irrati - Lo Cicero - Gori - Chiffi - VAR Gavallucci e  Valeriani)

▪ Inter - Genoa (Guida - Cardone - Preti - Pezzuto - VAR Fabbri e Pillitteri)

▪ Juventus - Torino (Giacomelli - Meli - Vuoto - Damato - VAR Mazzoleni e La Penna)

▪ Roma - Udinese (Massa - Paganessi - Liberti - Roa - VAR Di Bello e Srerra)

▪ Sampdoria - Milan (Valeri - Gallatini - Dobosz - Pinzani - VAR Doveri e Minelli)

▪ Sassuolo - Bologna (Tagoliavento - Bottegoni - Villa - Piccinini - VAR Maresca e Schenone)

▪ Spal - Napoli (Mariani - Passeri - Fiorito - Chiffi - VAR Banti e Peretti)

GINO PESCITELLI

Altre immagini