Calcio, il Benevento vince in rimonta tra tanta paura In primo piano

Oramai mancano soltanto cinque giornate al termine del torneo, ed a questo punto non bisogna andare troppo per il sottile: occorrono soltanto i tre punti in palio, per cercare di tenere a distanza gli avversari.

Questo il commento che si può fare dopo Benevento - Ischia, con i giallorossi che erano alla ricerca del poker, dopo i quattro derby consecutivi disputati. Alla fine anche l’Ischia si è dovuta inchinare alla legge del “Vigorito”, ma gli isolani erano andati addirittura in vantaggio, con un eurogol di Gomes  per poi  conquistare il pareggio, dopo le reti di Mazzeo ed Angiulli, grazie ad un rigore messo a segno da Di Vicino grazie ad una grande ingenuità di Ghigo Gori.

Insomma, una gara strana quella tra i giallorossi di Auteri e gli  isolani di Porta, che alla fine il Benevento è riuscita a vincere grazie alla prima segnatura in giallorosso del giovane Troiani. Risultato, però, giusto se consideriamo le tante occasioni da rete create dalla “strega”, le due traverse colpite, i veri e propri miracoli del portiere dell’Ischia Iuliano, che almeno in cinque o sei occasioni ha detto di no agli attaccanti del Benevento.

L’importante, però, era la conquista dei tre punti, che alla fine sono venuti con pieno merito, anche se con un po’ di sofferenza.

Eppure alla vigilia nessuno pensava  che il Benevento dovesse tanto soffrire per avere ragione dell’Ischia, penultima in classifica e che praticamente  ha già un piede nella lotta per evitare i play out. Invece, gli isolani non hanno regalato proprio niente ai primi della classe, hanno giocato la loro onesta partita, uscendo  alla fine dal campo a testa alta, sicuri di aver fatto tutto il proprio dovere.

Il Benevento, invece, ha dimostrato di aver sofferto un po’ troppo delle assenze di Del Pinto e Melara, anche se i sostituti, Troiani ed Angiulli non hanno giocato male, risultando entrambi  nel tabellino dei marcatori. E non si può neanche dire che la gara sia stata affrontata con la scarsa concentrazione, dal momento che Auteri aveva avvisato che certamente l’Ischia non avrebbe regalato niente.

Per questo diciamo che si è trattata di una gara molto strana, e meno male  che alla fine i giallorossi l’hanno spuntata, mantenendo la testa della classifica  alla vigilia di una partita che potrebbe essere davvero importante, cioè quella di lunedì prossimo a Cosenza, quando si giocherà alle 20 innanzi alle telecamere della Rai. Per il Cosenza sarà una gara fondamentale per poter ancora sperare di partecipare ai play off, e proprio per questo per i giallorossi la gara sarà difficile ed importante.

Nessuna novità nella partita contro l’Ischia rispetto alla formazione annunciata alla vigilia. Del resto, mister Auteri aveva gli uomini contati per infortuni e squalifiche, e ha dovuto portarsi in panchina  due ragazzi della “Berretti” (Crudo e Petrone) per raggiungere almeno quota 18. Così nel corso della gara ha alternato Cissè e Marotta in attacco, dando nel finale spazio anche a Mucciante  al posto di Troiani. E dopo tantissimo tempo una decina di minuti di gara anche per Vitiello, al posto di Mazzeo, per fargli nuovamente respirare l’area del campo di gioco. Certamente Vitiello sarà importantissimo per questo finale di torneo, mentre per la trasferta di lunedì a Cosenza l’allenatore siciliano dovrebbe recuperare  Melara e Campagnacci, ma soprattutto potrà contare sul rientro di Del Pinto che ha scontato la giornata di squalifica.

Sarà  una settimana importante quella che ora attende i giallorossi, in cui la trasferta di lunedì prossimo a Cosenza potrebbe essere veramente decisiva per il futuro. Importante, però, che i giallorossi l’affronteranno ancora da prima in classifica.

GINO PESCITELLI

Altre immagini