In primo piano - Calcio: per Di Biagio e gli 'azzurrini' una Serbia amara

Calcio: per Di Biagio e gli 'azzurrini' una Serbia amara In primo piano

Si sperava tantissimo che per l'Italia Under 21 la gara del 'Vigorito' contro la Serbia potesse essere il viatico migliore per affrontare i prossimi campionati Europei di categoria, che a giugno si volgeranno nella Repubblica Ceca, ma così non è stato.

Nell'ultimo impegno, dopo quello della settimana scorsa in Germania  dove  i ragazzi di Di Biagio avevano pareggiato per 2-2, è arrivata addirittura la sconfitta contro la Serbia, nella gara svoltasi lunedì sera al 'Vigorito'.

Risultato finale forse anche giusto, dal momento che gli 'azzurrini' per quasi tutta la partita sono stati in balia degli ospiti, che certamente hanno dimostrato di essere più squadra ed in forma per gli Europei. E’ vero che l’Italia ha giocato quasi l’intera ripresa in 10 per la giusta espulsione di Berardi, certamente troppo nervoso e che ha meritato il doppio cartellino giallo, ma a parte questo c’è da dire che assolutamente Di Biagio deve fare qualcosa per trovare la 'quadra' in attesa deli Europei.

Troppo brutta la squadra che lunedì sera ha affrontato la Serbia ed assolutamente da rivedere il 4-4-2 praticato dall’allenatore degli 'azzurrini'. E soltanto il quarto d’ora finale ben disputato da Braghi e compagni non può giustificare la non  confortante prestazione.

Da lodare soltanto il pubblico che fino alla fine ha incitato  gli 'azzurrini' e soprattutto i 500 ragazzini presenti nei distinti, ospiti della Figc.

Insomma, c’è stata senz’altro la 'passione' azzurra, ma il gol di Milunovic ha gelato tutti. Non resta che stringere i denti, lavorare e pensare agli Europei, perché l’Italia non può essere così brutta come quella vista al 'Vigorito'.

GINO PESCITELLI

Altre immagini