Calcio, per il Benevento una notte magica e un tabù da sfatare In primo piano

Ventisette anni fa, aggrappata alla voce di Gianna Nannini, l'Italia si apprestava a vivere le sue 'Notti magiche' con i campionati mondiali di calcio di Italia 90, fermandosi poi alla 'finalina' del 'San Nicola' di Bari contro l’Inghilterra, e mai come ora si può dire che anche il Benevento  vivrà questa sera la sua 'notte magica' nella sfida, guarda caso, proprio contro il Bari, con fischio d’inizio alle 21 nel ribollente catino del 'Vigorito'.

Sarà proprio una 'serata magica', come cantava Gianna Nannini, dal momento che in caso di successo almeno per una nottata la 'strega' sarà in testa alla classifica, in attesa dello scontro delle 15 di sabato tra il Frosinone ed il Verona.

Del resto la classifica è chiara: Frosinone a 48 punti, Benevento e Verona 46. Con i tre punti che potrebbe conquistare questa sera i giallorossi andrebbero in testa, restando alla finestra per qualche ora.

Si tratta, però, di una sfida insidiosa e difficile per la 'strega', per tantissimi motivi. Innanzitutto perché mancherà, capitan Lucioni per squalifica, perno della difesa e vero uomo squadra, poi perché il Bari attraversa un ottimo periodo ed al 'mercato' di gennaio ha completamente cambiato in meglio la squadra, in terzo luogo perché i 'galletti' di Colantuono giocheranno per vendicare il 4-0 subito al 'San Nicola' nella gara di andata dello scorso 24 settembre.

Il Benevento, invece, dovrà sfatare un tabù che soltanto in due occasioni l’ha visto vittorioso contro il Bari (il 4-0 dell’andata ed un 1-0 del 20 gennaio 1952 sempre al 'San Nicola'). Per il resto, nelle 13 gare disputate (6 in casa e 7 in trasferta), i pareggi sono stati tantissimi. Sul terreno amico (prima al 'Meomartini' e poi al Santa Colomba, per la prima volta  il match si disputa al 'Vigorito') il Benevento ha subito una sconfitta ed ha pareggiato cinque volte, mentre al 'San Nicola' di Bari i match sono stati sette, con due vittorie del Benevento, due pareggi e tre sconfitte.

Quindi c’è da sfatare anche il tabù che vede il Benevento mai vittorioso in casa contro il Bari.

E certamente tutti ricorderanno, soprattutto per la cronaca nera, la gara del 4 maggio 1975 del 'Meomartini' conclusasi con una invasione di campo sul risultato di 1-1 con tantissimi contri tra le due tifoserie. Poi, gara ripetuta e sconfitta del Benevento per 2-1.

Nella gara di questa sera certamente il 'Vigorito' sarà stracolmo, con un record di oltre 10.000 spettatori  Un migliaio di tifosi giungeranno da Bari e c’è da augurarsi che alla fine tutto vada per il meglio sul versante dell’ordine pubblico. Le Forze dell’Ordine presidieranno lo Stadio, mentre all’interno ci sarà un servizio di steward molto aumentato rispetto al solito. Ma c’è da dire che le preoccupazioni non mancano.

Il Bari giungerà a Benevento con il vento in poppa. La compagine affidata a Colantuono ha completamente cambiato volto a gennaio, ed ora può contare su due attaccanti come Floro Flores e Galano che certamente sono giocatori soltanto di passaggio per la serie cadetta. Alle loro spalle un certo Brienza che tutti invidiano. Colantuono fa giocare la squadra con un 4-3-1-2 che in questi ultimi turni di campionato sta conquistando risultati importanti.

Da parte sua Baroni ancora una volta deve registrare tante assenze per infortuni (Puscas, Eramo, Padella, Pajac, De Falco) e questa volta non ci sarà neanche capitan Lucioni per squalifica. A sostituirlo, ma non sarà facile, dovrebbe essere Pezzi (che  sarà anche il capitano) con Lopez sulla fascia sinistra. Altro cambio a centrocampo con il rientro di Viola al fianco di Chibsah, con Del Pinto che dovrebbe partire dalla panchina. Per il resto non ci dovrebbero essere novità né negli uomini né nel modulo. Quindi, Cragno al ritorno dallo stage in nazionale a difesa dei pali, poi Venuti e Lopez sulle fasce, con Camporese e Pezzi centrali, poi  Viola e Chibsah a centrocampo ed i tre 'tenori' Falco, Ciciretti e Cissè  in appoggio a Ceravolo. In panchina Gori, Bagadur, Gyamfi, Matera, Melara, Del Pinto, Buzzegoli. Fra i convocati ci sono anche i giovani Brignola ed il difensore spagnolo Rutjens.

Per dirigere Benevento - Bari è stato designato un arbitro di spessore, uno dei migliori a disposizione. Si tratta di Riccardo Pinzani di Empoli, che fino ad ora ha diretto addirittura 259 gare, di cui 19 in serie A (6 vittorie delle squadre di casa, 7 pareggi e 6 vittorie delle squadre in trasferta), ben 173 in B (73 le vittorie delle squadre di casa, 57 i pareggi e  42 i successi delle squadre in trasferta) e 67 in Lega Pro. Sono stati in totale 88 i rigori concessi ed 81 gli espulsi. Un solo precedente con il Benevento proprio in questa stagione (1-1 ad Avellino) e ben 12 con il Bari (con 3 vittorie, 6 pareggi e 3 sconfitte). Come giudici di linea sono stati designati Maurizio De Troia di Termoli e Damiano Margani di Latina, IV uomo Daniele Martinelli di Roma 2.

Queste le gare di questa 27esima giornata, VI di ritorno, con la relativa 'quaterna' arbitrale:

▪ Brescia - Cittadella venerdì 24 ore 19 (Pezzuto - Baccini - Bremes - Guerini)

▪ Benevento - Bari venerdì 24 ore 21 (Pinzani - De Troia - Margani - Martinelli)

▪ Ascoli - Pisa sabato 25 ore 15 (Minelli - Soricaro - Galetta - Zingarelli)

▪ Avellino - Vicenza sabato 25 ore 15 (Piccinini - Intagliata - Sechi - Proietti)

▪ Cesena - Vercelli sabato 25 ore 15 (Abbattista - Chiocchi - Opromolla - Camplone)

▪ Frosinone - Verona  sabato 25 ore 15 (Chiffi - Prenna - Santoro - Baroni)

▪ Novara - Spezia sabato 25 ore 15 (Nasca - Citro - Grossi - Sozza)

▪ Spal - Perugia sabato 25 ore 15 (Di Martino - Gori - Tardino - Amabile)

▪ Ternana - Latina sabato 25 ore 15 (Sacchi - D’Apice - Olivieri - Paterna)

▪ Trapani - Salernitana  sabato 25 ore 15 (Aureliano - Bellotti - Formato - Capone)

▪ Entella - Carpi sabato 25 ore 15 (Manganiello - Rossi - Borzomì - Piscopo)

Si parte con gli anticipi di questa sera con questa classifica:

Frosinone 48, Benevento (-1) 46, Verona 46, Spal 45, Cittadella e Perugia 39, Spezia 38, Bari 37, Carpi 36, Entella 35, Ascoli e Novara 34, Salernitana ed Avellino 32, Cesena 29, Brescia, Vicenza e Pisa 28, Latina 26, Vercelli 25, Ternana 23, Trapani 22.

GINO PESCITELLI

Altre immagini