Calcio Serie A, il Benevento umilia l'Hellas Verona con tre reti In primo piano

Praticamente non c’è stata partita al “Vigorito” tra il Benevento e l’Hellas Verona nei 90’ minuti tra due squadre che, almeno fino ad ora, sono le maggiori indiziate per la retrocessione - dopo un solo anno - nella massima serie.

L’undici di Pecchia è stato letteralmente schiacciato dai giallorossi, che hanno dimostrato, almeno in questa gara, una grande personalità. Ed alla fine i veronesi hanno visto letteralmente… le streghe, subendo tre reti (prima Letizia poi una doppietta di Diabatè) ma nello tempo devono ringraziare la dea bendata per non essere tornati a casa con una vera e propria goleada.

Tantissime le occasione sbagliate per un soffio dai giallorossi, ma anche il giovanissimo portiere dell’Hellas Verona Silvestri in alcune occasioni ha letteralmente salvato la rete. A ciò dobbiamo aggiungere che mai i veneti hanno tirato in porta, per cui il portiere del Benevento Brignoli non è mai dovuto intervenire in modo serio. Praticamente ha fatto da spettatore.

Insomma, si è visto un Benevento che ha dimostrato di aver dimenticato  la pesante sconfitta contro la Lazio, anche se dobbiamo dire che ha trovato sulla propria strada un Hellas Verona inesistente, che ha dimostrato assolutamente di non meritare gli attuali 22 punti in classifica.

Secondo le previsioni mister De Zerbi ha risparmiato parecchi giocatori in previsione della gara di sabato contro la Juventus, lasciando in panchina Sandra e Sagna, che certamente saranno in campo per la gara, quasi impossibile, di fine settimana contro i campioni d’Italia, reduci dalla dura sconfitta casalinga subita dal Real Madrid.

Così, il centrocampo a quattro è stato formato da Venuti e Letizia sulle fasce, con Djimsiti e Tosca centrali. Poi centrocampo formato da Viola e Del Pinto centrali con Djuricic in appoggio. Sulle fasce alte hanno operato Brignola e Diabatè, con Iemmello unica punta. Nella ripresa sono entrati D’Alessandro per Djuricic, Guilherme per Immello ed il giovanissimo Volpicelli (per lui l’esordio in A) per Brignola a pochi minuti dalla fine.

Ora c’è da vedere come reagirà la squadra dopo la bella gara disputata contro l’Hellas Verona in attesa di ospitare sabato la Juventus. Tutti si augurano che ci sia stata la scossa, forse anche per il ritorno del presidente Vigorito che ha dimostrato di essersi ripreso e l’ha fatto capire a tutti.

E questo è un fatto importante per poter programmare nel modo migliore il futuro. 

GINO PESCITELLI