Calcio Serie A, per il Benevento un solo risultato... battere la Spal In primo piano

Una occasione davvero d'oro ed unica per il Benevento, che questa sera - fischio d'inizio alle ore 18.00 - dovrà affrontare al 'Vigorito' la Spal di Semplici.

Del resto lo stesso De Zerbi in conferenza stampa è stato quanto mai chiaro: 'Bisogna assolutamente conquistare i tre punti, poi da lunedì si comincerà a fare un po' di chiarezza sul mercato di gennaio'.

Insomma la gara di questa sera può essere veramente decisiva e da dentro o fuori forse in modo definitivo, cosa, questa, chiara a tutti, a cominciare dall'undici che scenderà in campo. La 'strega' diventa nuovamente padrona del proprio destino, e questa volta assolutamente non si può fallire, se ancora si vuole tenere aperta una speranzella, anche se molto piccola, di permanenza nella massima serie. Del resto la classifica dice che la differenza tra sanniti e ferraresi non è proprio abissale, e con la indispensabile vittoria nello scontro diretto la distanza potrebbe diventare non più tanto lontana.

E' vero che le ultime tre (guarda caso le neo promosse Spal, Hellas Verona e Benevento) sono oggi divise da nove punti, ma ci sono ancora tante gare da giocare (cioè le ultime due del girone di andata poi quello di ritorno) e tutto è ancora possibile. Questo anche perché, da quanto si è capito, al 'mercato' di gennaio nell'undici di De Zerbi ci sarà una vera e propria rivoluzione con numerosi arrivi e tanti addii. Ed allora terminare il girone di andata con sei o sette punti sarebbe importantissimo (dopo la gara di questa sera contro la Spal il Benevento dovrà affrontare in trasferta il Genoa, quindi al 'Vigorito' il 30 dicembre sarà di scena il Chievo).

Questo per far capire che i giallorossi si giocano proprio tutto, e la vittoria non sembra impossibile se si considera che la Spal fino ad ora non ha mai conquistato punti in trasferta. Praticamente, gli estensi non vincono in trasferta da ben otto mesi (precisamente dalla  gara di Latina dello scorso 22 aprile)

Soni numeri impietosi per l'undici di Semplici, che però in casa gioca con tanto carattere ed infatti la classifica dice che è a quota 11, contro l’unico punticino conquistato dal Benevento nella gara contro il Milan.

Però la Spal è una squadra da prendere con le classiche molle, che lotta fino alla fine e non è mai doma. Poi tra le sue file ci sono giocatori importanti come Borriello, Floccari, Antonucci, Paloschi, che in ogni momento possono colpire. Insomma il cuore è l'arma in più dei bianco azzurri, che è reduce dalla prova d'orgoglio contro il Verona, pareggiata nel finale pur essendo in svantaggio per 2-0.

E' questo un motivo in più per far capire ai giallorossi che non bisogna mai mollare perché la conquista dei tre punti e di vitale importanza, anzi fondamentale.

Dopo le tante polemiche di domenica scorsa per la gara contro l'Udinese certamente questa sera De Zerbi ritornerà al 4-3-3, anche se dopo l'infortunio di Antei (per lui stagione già finita) ha a propria disposizione soltanto due centrali, cioè Djimsiti e Costa, oltre al giovane Gravillon fino ad ora mai utilizzato. Sulle fasce dovrebbero giocare Venuti e Letizia, con Di Chiara che dovrebbe partire dalla panchina. A centrocampo importante sarà il rientro di Cataldi che ha scontato la giornata di squalifica, che dovrebbe essere supportato da Chibsah e Memushaj. Grande novità sulle fasce alte, dove, finalmente, potranno essere disponibili sia Ciciretti a destra che D'Alessandro a sinistra. Si spera che in tal modo la 'strega' ritrovi un po' di capacità offensiva che fino ad ora è mancata. Al centro, infine, la maglia se la contendono Puscas ed Armenteros, mentre certamente dalla panchina partirà Coda, in questi ultimi giorni al centro di tante polemiche causate dal suo Procuratore, e che potrebbe essere uno dei primi a lasciare la maglia giallorossa.

Non molti i precedenti tra le due squadre. Praticamente soltanto tre nella scorsa stagione, con una vittoria per parte per 2-0, ma con la Spal vittoriosa nella gara di Supercoppa. Invece, una sfida salvezza da amarcord, se si considera che in passato tanti giocatori hanno vestito entrambe le casacche.

Per dirigere la difficile gara di questa sera torna al 'Vigorito' Fabrizio Pasqua di Tivoli, l'arbitro della promozione in A dei giallorossi. Il fischietto laziale quest'anno non ha certamente portato bene alla 'strega' nelle trasferte di Genova con la Sampdoria e di Bergamo contro l'Atalanta, ma resta sempre l'arbitro che nella passata stagione ha diretto la finale di ritorno contro il Carpi dello scorso 8 giugno, con la promozione in A. Un precedente benaugurante, anche perché per la prima volta torna al 'Vigorito'. Poi altri due precedenti con i giallorossi con una vittoria in casa contro la Pro Vercelli ed una sconfitta a Foggia. Ben sette, invece, i precedenti con la Spal, con tre vittorie, altrettante sconfitte ed un pareggio.

Nella massima serie Pasqua fino ad ora ha diretto 14 gare, con 9 vittorie delle squadre di casa, 4 pareggi ed una sola vittoria delle compagini trasferta, 3 rigori concessi e 3 espulsi. In totale ha diretto fino ad ora 174 gare, con 74 successi delle squadre di casa, 55 pareggi e 45 successi delle compagini in trasferta, 45 rigori concessi e 51 espulsi. A coadiuvarlo saranno quali assistenti di linea Fabiano Preti di Mantova e Lorenzo Gori di Arezzo, IV uomo Antonello Barice di Termoli, addetti al VAR Fabio Maresca di Napoli e Valerio Marini di Roma.

Ecco il programma  della 17^ giornata:

▪ Inter - Udinese 1-3

▪ Napoli - Torino 1-3

▪ Roma - Cagliari 1-0

▪ Atalanta - Lazio domenica 17 ore 20.45 (Irrati - Meli - Di Fiore - Manganiello - VAR Rocchi e Schenone

▪ Benevento - Spal domenica 17 ore 18.00 (Pasqua - Preti - Gori - Belice - VAR Maresca e Marini

▪ Bologna - Juventus domenica 17 ore 15.00 (Banti - Di Vuolo - De Meo - Marinelli - VAR Doveri e Tasso)

▪ Crotone - Chievo domenica 17 ore 15.00 (Pairetto - Costanzo - Bottegoni - Saia - VAR Abisso e La Penna)

▪ Fiorentina - Genoa sabato 17 ore 15.00 (Calvarese - Longo - Galetto - Sacchi - VAR Valeri e Rapuano)

▪ Hellas Verona - Milan domenica 17 ore 12.30 (Orsato - Alassio - Carbone - Giuia - VAR Aureliano e Gersini)

▪ Sampdoria - Sassuolo domenica 17 ore 15.00 (Gavillucci - Ranghetti - Zappatore - Baroni - VAR Tagliavento e Paganessi).

GINO PESCITELLI

Altre immagini