Calcio Serie B: Coda e Insigne non perdonano e così il Benevento fa il bis In primo piano

L’imbattibilità della Cremonese di Mandorlini è terminata al “Vigorito”, con i giallorossi che non soltanto hanno concesso il bis dopo la vittoria contro il Livorno, ma nello stesso tempo hanno anche raggiunto il secondo posto in classifica dopo l’inaspettata sconfitta del Pescara, con il Cittadella che ha violato l’Adriatico. Ed una cosa è importante e deve essere tenuta in considerazione: il Pescara, a quota 18, ha due punti in più del Benevento (16 punti), ma ha giocato una partita in più non avendo ancora fruito del turno di riposo.

A questo punto nel torneo cadetto non ci sono più squadre imbattute, dopo che Pescara e Cremonese nella stessa giornata hanno conosciuto l’onta della sconfitta. Insomma, dopo la nona giornata la classifica ha ora un volto tutto diverso e sorride nuovamente ai giallorossi.

L’unico neo della gara contro la Cremonese l’infortunio a Letizia dopo pochi minuti di gara, che è dovuto uscire ed è stato sostituito da Di Chiara. A quanto sembra Letizia ha subito una distorsione alla caviglia (è tornato negli spogliatoi camminando anche se lentamente), immediatamente è stato portato in Ospedale per accertamenti e radiografia, e dalla prima diagnosi sembra che non ci sia la frattura alla caviglia, anche se la situazione deve essere monitorata meglio. Speriamo bene perché Letizia è troppo importante per l’economia della squadra, anche se Di Chiara si è ben comportato.

Venendo alla gara contro i bianchi di Mandorlini, c’è da dire che il Benevento ha disputato un primo tempo fantastico, forse il migliore della stagione. Vi sono state le reti di Coda ed Insigne, soprattutto però i giallorossi hanno chiuso la Cremonese nella propria area, con tanta sfortuna nelle conclusioni. Insomma, i primi 45’ si sarebbero dovuti chiudere con un risultato più importante per i giallorossi.

Nella ripresa le cose sono cambiate soprattutto dopo la rete degli ospiti ed a quel punto i giallorossi sono caduti nella paura permettendo agli ospiti di rendersi pericolosi in tantissime occasioni. E’ vero che c’è stato il palo colpito da Coda su una splendida punizione e tantissimi contropiedi non sono stati bene sfruttati, ma indubbiamente la ripresa è stata di marca Cremonese ed i sanniti hanno sofferto tantissimo soprattutto negli oltre otto minuti di recupero concessi dal mediocre arbitro Di Paolo.

Bucchi ha cambiato poco rispetto alla formazione schierata contro il Livorno, rinunciando ancora Nocerino e schierando il centrocampo con Viola, Tello e Bandinelli. Naturalmente, come nelle previsioni, Gyamfi al posto di Maggio, con Billong e Volta centrali. E c’è da dire che i due centrali si sono comportati ancora una volta benissimo, risultando tra i migliori in campo. Sulle fasce alte il tecnico ha insistito su Insigne e Buonaiuto, che hanno poi lascato il posto a Ricci ed Improta. Insomma tutto come nelle previsioni, considerando anche che martedì 30 ci sarà un nuovo turno infrasettimanale con il Benevento che in trasferta dovrà affrontare lo Spezia, il fischio d’inizio è previsto per le 21,00.

Insomma, neanche il tempo di godersi la doppia vittoria contro il Livorno e Cremonese ed il secondo posto in classifica che dietro la porta c’è un nuovo difficile impegno.

GINO PESCITELLI