Calcio Serie B: i giallorossi Falco e Ciciretti affondano lo spauracchio Verona In primo piano

Tutti i pronostici della vigilia dicevano che al 'Vigorito' l'Hellas Verona di Fabio Pecchia avrebbe dovuto fare un solo boccone della 'strega', invece poi la realtà è stata del tutto diversa.

Il 'piccolo' Benevento ha avuto ragione del 'grande' Verona, che assolutamente non ha messo paura ai giallorossi.

Anzi è stato proprio l’undici di Baroni a fare quasi sempre la partita, e forse il risultato finale di 2-0 sta anche un po’ stretto agli undici di casa, che ha condotto quasi sempre le danze anche se aveva di fronte un Hellas Verona che certamente ha delle grandi individualità.

Indubbiamente sulla sconfitta degli scaligeri ha influito l’espulsione di Caracciolo dopo appena sei minuti di gara per fallo da ultimo uomo su Ceravolo pronto a mettere il pallone alle spalle di Nicolas, ma questa non è una buona ragione per giustificare la prestazione negativa dell’undici di Pecchia, pericoloso soltanto in poche occasioni.

Si è visto che l’Hellas Verona ha nel proprio organico uomini in grado di fare la differenza, ma almeno fino ad ora non ha dimostrato di avere la forza per poter 'ammazzare' il torneo. Così, almeno in questo principio di torneo, due neo promosse, come Cittadella e Benevento, stanno dimostrando di essere le squadre rivelazioni.

Da parte sua il Benevento ha disputato la classica gara perfetta, come aveva chiesto Baroni, di fronte ad un avversario che era sceso a Benevento con l’intento di conquistare i tre punti in palio.

E’ stato, senza ombra di dubbio, un Benevento irresistibile, che sta facendo sognare i propri tifosi, che questa volta erano quasi 10.000 al 'Vigorito', con coreografie da brivido ed  un tifo appassionato e continuo, che ha accompagnato Lucioni e compagni per l’intera gara. Insomma, anche in questo caso sono stati anche i tifosi a vincere la partita.

Davvero pochi gli errori commessi dai giallorossi, che hanno affrontato i 'neri' di Pecchia con grande determinazione e senza pensare di essere più deboli.

Difficile fare una graduatoria dei migliori in campo, anche se Lopez, Chibsah, Ciciretti e Buzzegoli meritano qualche voto in più.

Sempre attento Cragno, che anche questa volta ha compiuto un paio di miracoli, e puntuali i due centrali Lucioni e Padella, che hanno praticamente annullato gli avanti di Pecchia. Mai in affanno il centrocampo, dove Buzzegoli ha già preso per mano la squadra, mentre Chibsah non ha sbagliato quasi nulla.

Bravissimi anche i due esterni Venuti e Lopez, mentre Melara,  prima di lasciare il posto a Jakimovski  per un leggero infortunio, ha tenuto bene il campo. Protagonisti Falco e Ciciretti, non solo per le reti messe a segno, ma anche per quanto dimostrato in tutti i 90’. Buona anche la prova di Ceravolo, che nel finale è stato sostituito da Cissè, al rientro dopo un lungo periodo. E si è rivisto anche De Falco, al suo esordio  dopo aver scontato le due giornate di squalifica.

Insomma, si è visto un Benevento perfetto, che ha iniziato nel modo migliore due settimane in cui sarà chiamato ad affrontare molti impegni.

Sabato prossimo per la trasferta di Latina si attende una squadra in grado di dare continuità all’attuale momento positivo. 

GINO PESCITELLI

Nella foto l’esultanza di Ciciretti

Altre immagini