In primo piano - Calcio, si gioca Benevento - Melfi nel ricordo di Imbriani

Calcio, si gioca Benevento - Melfi nel ricordo di Imbriani In primo piano

Secondo appuntamento consecutivo per il Benevento questa sera contro il Melfi (fischio d'inizio alle 18, gara rinviata ad oggi in seguito alla presenza in citta' di San Pio da Pietrelcina), ma certamente la partita sarà nel segno di Carmelo Imbriani. Proprio oggi, infatti, nel 2013, l’ex indimenticabile capitano giallorosso, si spegneva, a soli 37 anni, colpito da un male inguaribile, che lo aveva aggredito nel ritiro estivo di Lapo Ampollino, proprio quando allenava i giallorossi.

Oggi, quindi, saranno tre anni esatti che il buon Carmelo non c’è più, ed è evidente che per l’ambiente la gara contro il Melfi assumerà un significato particolare, al di là della conquista dei tre punti, importantissimi per la “strega” in questo momento particolare del torneo. Tra i giallorossi che oggi saranno in campo soltanto Gori ha conosciuto direttamente Imbriani, mentre Marotta, giunto nel Benevento per la prima volta nel gennaio del 2013, ha vissuto soltanto frangenti della tragica dipartita.

Ma non c’è dubbio che anche chi non ha conosciuto la “bandiera” giallorossa, o vissuto, direttamente, quei momenti, sa perfettamente quanto Imbriani fosse amato dal pubblico sannita. E siamo certi che anche in questo momento i tifosi non faranno mancare il commosso ricordo per uno dei simboli della storia calcistica giallorossa.

Un motivo in più, quindi, per affollare questa sera il “catino” del “Vigorito”, per ricordare il grande campione scomparso, nonostante giorno ed orario non siano favorevoli per la presenza del grande pubblico. La società il suo l’ha fatto in questa occasione, tagliando i prezzi del 50%,ed ora si attende la risposta dei tifosi anche “nel segno” di Imbriani. La Curva Sud si sta mobilitando per una folta presenza sugli spalti.

Del resto, sotto il profilo prettamente sportivo la gara di questa sera contro il Melfi è importantissima per futuro. La classifica si è fatta sempre più corta, le squadre di testa sono racchiuse in un vero e proprio fazzoletto con distacchi minimi, insomma questo mese di febbraio potrebbe essere decisivo, anche perché il calendario tende una mano a Lucioni e compagni. Insomma, conquistare i tre punti contro il Melfi diventa quasi un obbligo e dopo le ultime prestazioni certamente i giallorossi hanno la possibilità di dare continuità alla serie positiva. Anche i precedenti sono a favore dei giallorossi: il Melfi per il Benevento rappresenta u na bestia nera in Lucania, ma dal ’67 ad oggi la “strega” in casa hanno vinto quattro volte su cinque.

L’impegno, però, non si presenta certamente facile dal momento che il Melfi degli ex Ugolotti e Maglione scenderà al “Vigorito” con l’intento di vendere cara la pelle. I lucani sono in buona salute, nell’ultima gara di campionato hanno fatto tremare il Foggia, che ha vinto soltanto con grande fortuna e sofferenza, lottano per tirarsi fuori nel più breve tempo possibile dalla parte bassa della classifica.

Per la gara di questa sera Ugolotti avrà quasi l’intera “rosa” a disposizione, ma dovrà rinunciare al difensore Colella ed all’attaccante Masini, che sconterà il secondo turno di squalifica. Assenza importante quella di Masini, che con quattro realizzazioni è il goleador dei gialloverdi. L’attacco del Melfi è tra i più “anemici” del campionato, ed anche questa sera Masini dovrebbe essere sostituito da Soumarè oppure da Ingretolli, arrivato a gennaio dal Catanzaro. Problemi anche in difesa per Ugolotti, mentre soltanto a centrocampo potrà contare sull’intera “rosa” a disposizione. Per i giallorossi, inoltre, ci sarà da vendicare la netta sconfitta subita nel girone di andata, un 3-0 che ancora oggi brucia tantissimo.

Per mister Auteri, questa volta pochi problemi di formazione, dal momento che dovrà rinunciare al solo Pezzi, squalificato, ed al solito Vitiello, ritornato a lavorare in gruppo, anche se a parte. Naturalmente ancora non sarà disponibile dopo l’infortunio e la lunga degenza a Villa Stuart per la riabilitazione. Su lui, forse, si potrà cominciare a pensare per la gara contro il Matera, che verrà dopo la trasferta di Monopoli. Comunque, il “commissario” (come lo chiamano i compagni di squadra ed i tifosi) è oramai pronto per il rientro, e sarà un jolly importantissimo per il rush finale del torneo. Una “pedina” sulla quale mister Auteri potrà finalmente puntare.

In questa settimana mister Auteri ha praticamente “blindato” la squadra, con tanti test a porte chiuse a Paduli ed un solo allenamento avanti agli occhi di tutti.

Per sostituire Pezzi il tecnico siciliano dovrebbe affidarsi a Mucciante, nella difesa a tre che sarà formata, poi, dall’inamovibile Lucioni e poi da Padella o Mattera. Naturalmente a guardia della rete Ghigo Gori, con un centrocampo che dovrebbe essere formato dai soliti Del Pinto e De Falco, anche se Angiulli scalpita per una maglia da titolare. Sulle fasce dovrebbero essere confermati Lopez e Melara, con Mazzarani che anche questa volta dovrebbe partire dalla panchina.

I problemi maggiori per Auteri riguardano il tridente d’attacco, questa volta, però, per abbondanza. Finalmente per l’allenatore c’è solo l’imbarazzo della scelta, avendo a disposizione i ritrovati Mazzeo e Cissè, Marotta, Campagnacci e l’ultimo arrivato Raimondi. E’ probabile che, anche questa volta, saranno Mazzeo, Marotta e Cissè a scendere in campo dal primo minuto, con Campagnacci e Raimondi in panchina.

Per arbitrare la gara è stato designato il palermitano Andrea Capone, un secondo anno che non ha nessun precedente con le due squadre. Fino ad ora ha diretto 21 gare in Lega Pro, con 8 successi delle squadre di casa, 7 pareggi e 6 blitz esterni. Sono stati 8 i rigori concessi e 7 i giocatori espulsi. Come collaboratori di linea sono stati designati Federico Ganci di Città di Castello e Francesca Di Monte di Chieti.

Intanto, il Giudice Sportivo ha deciso in merito al ricorso presentato sulla gara Casertana - Lecce terminata sul risultato di 1-1. Come si ricorderà, a causa dell’infortunio di un segnalinee l’arbitro si era visto costretto, secondo regolamento, a cambiare entrambi i suoi collaboratori di linea con tesserati delle due squadre presenti in panchina, ma quello fornito dal Lecce, secondo la Casertana, sarebbe stato in una posizione irregolare. Per ora il risultato finale di 1-1 è stato omologato, al Lecce soltanto una multa di 5.000 euro, ma la Casertana ha già fatto sapere che farà ricorso, tramite l’avv. Chiacchio. La classifica, per ora , resta immutata, in attesa di Foggia - Matera e Benevento - Melfi di questa sera alle 18.

Ecco il programma della ventiduesima giornata, con quasi tutte le gare che si sono già disputate, mentre per oggi sono in programma Benevento - Melfi e Foggia - Matera. Indubbiamente fino ad ora risultati favorevoli al Benevento, che questa sera potrebbe trovarsi primo in classifica… Foggia permettendo.

Lupa Castelli Romani - Fidelis Andria 0-3

Catania - Lecce 0-0

Akragas - Ischia 2-0

Cosenza - Catanzaro 1-1

Martina Franca - Monopoli 2-2

Messina - Paganese 2-2

Casertana - Juve Stabia 1-1

Foggia - Matera ore 18 di oggi 15 febbraio

Benevento - Melfi ore 18 di oggi 15 febbraio

GINO PESCITELLI

Altre immagini