Calcio: un 'Benevento' incerottato scende in campo contro l'Ischia In primo piano

Dopo soltanto pochi giorni dalla brutta esibizione casalinga di lunedi' sera contro la Juve Stabia, i giallorossi di Auteri questo pomeriggio (fischio d'inizio alle 14,00) scendono nuovamente in campo, questa volta al “Mazzella” di Ischia. Nella scorsa stagione la gara contro gli isolani fu la prima di campionato e la “strega” riuscì a portare a casa i tre punti con la rete di Alfageme, però questa volta il discorso è completamente diverso se consideriamo il periodo buio che attraversano Lucioni e compagni.

E c’è da dire che l’ennesima brutta figura rimediata nella gara di lunedì scorso ha lasciato i segni, ed anche il presidente Pallotta si è risentito nei confronti dell’allenatore per le dichiarazioni del dopo gara. Praticamente, Auteri aveva dichiarato di non aver apprezzato il gioco della Juve Stabia, e di rimando il presidente Pallotta: “Auteri pensi a far giocare bene il Benevento, visto che la prestazione contro la Juve Stabia non è stata all’altezza, e se le “vespe” avessero fatto una prestazione migliore avrebbero vinto meritatamente per 3-0”.

Insomma, si è cominciato ad incrinare qualcosa tra società ed allenatore, e questo vuol dire davvero tanto in un momento non certo facile per l’allenatore e per la squadra. Se la società non ha più fiducia in Auteri lo si dica subito ed in modo chiaro, anche se, poi, Pallotta ha in parte smentito il senso delle sue dichiarazioni, fatte per giunta dall’estero. Comunque, Auteri c’è rimasto male, mentre la “Curva sud” ha difeso l’allenatore con un chiaro messaggio: “Giù le mani del Benevento”., forse tutto diretto al presidente.

Ma c’è da chiedersi: è tutta colpa del tecnico di Florida se il Benevento attuale è davvero poca cosa? Assolutamente no, è la nostra risposta. Le tante, troppe, ombre che faticano a diradarsi e che continuano a condizionare il cammino della squadra dipendono esclusivamente dall’organico messo a disposizione del tecnico e dai tanti, troppi, errori commessi da chi questa squadra ha costruito. Ed allora è bene mettere sul banco degli imputati innanzitutto Di Somma per le scelte fatte(0bbligate?), anche se avallate dall’allenatore.

Le carenze strutturali della compagine sono chiare a tutti fin dal principio, e non avere in “rosa” una prima punta importante e di rispetto è una accusa che assolutamente non può essere smentita e sottovalutata. Ed ora se ne stanno pagando le scontate conseguenze. Si è praticamente “regalato” Eusepi alla Salernitana, dove per giunta non sta giocando, senza trovare un sostituto, e dall’altra parte sono arrivati giocatori assolutamente non all’altezza o con gravi problemi fisici alle spalle.

A ciò dobbiamo aggiungere i tanti infortuni muscolari, forse anche a causa della preparazione atletica. L’allenatore siciliano non ha potuto utilizzare a lungo Bianco, Cissè, Som, attualmente non può contare su Mucciante, Campagnacci, Marotta, Vitiello, Ciciretti, Marano, Calvaruso ed ha Mazzarani a mezzo servizio, per non parlare delle condizioni di un Mazzeo addirittura l’ombra del giocatore che conoscevamo.

Anche per questo la gara di questo pomeriggio al “Mazzella” di Ischia si presenta a dir poco difficile, dal momento che i giallorossi troveranno un Ischia in buona salute, che punta alla conquista dei tre punti. L’undici di Bitetto fino ad ora tra le mura amiche ha lasciato davvero poco agli avversari, conquistando tre vittorie e due pareggi, ed ha conosciuto una sola sconfitta ,quella contro l’Akragas. A questo dobbiamo aggiungere che gli isolani avranno quasi tutti gli uomini a disposizione, e forse mancherà il solo Filosa, mentre ci sarà Kanoutè, che si impegnerà tantissimo contro gli ex compagni in giallorosso.

Da parte sua mister Auteri ha gli uomini contati ed anche il rientro di Marotta è molto in dubbio. Sarà. praticamente, un Benevento con i classici “cerotti” per le certe assenze di Mucciante e Camapgnacci, che potranno rientrare soltanto nel 2016 per i gravi infortuni, ma anche di Vitiello e Marotta, e con Marano, Mazzarani e Som a mezzo servizio. Per il tecnico siciliano, quindi, formazione quasi obbligata con Gori in porta, Lucioni, Padella e Mattera in difesa, De Falco o Cruciani e Del Pinto a centrocampo con Melara e Mazzsarani o Troiani sulle fasce, quindi Cissè, Mazzeo e Di Molfetta in attacco, con Ciciretti pronto a subentrare Per il resto ancora una panchina “corta”, come contro la Juve Stabia, per i pochi uomini a disposizione.

Insomma ci vorrà quasi un miracolo per portare a casa qualche punticino.

A dirigere la gara è stato designato il IV anno Luigi Rossi di Rovigo, con un solo precedente con entrambe le squadre. Con il direttore di gara veneto il Benevento, il 26/10/2014, vinse contro l’Aversa Normanna per 2-0 grazie alle reti di Campagnacci e Scognamiglio, conquistando anche la testa della classifica, mentre l’Ischia nello stesso scorso torneo venne sconfitta a Teramo per 2-0. Ma erano altri tempi.

Il direttore di gara fino ad ora ha diretto 32 gare in Lega Pro, con 16 vittorie delle squadre di casa, 9 pareggi e 7 vittorie delle squadre in trasferta. Sono stati 9 i rigori concessi e ben 14 gli espulsi. Insomma un direttore di gara molto severo e bisognerà fare molta attenzione. Come collaboratori di linea sono stati designati Lucia Abruzzese di Foggia ed Alessandro Cipressa di Lecce, due segnalinee che al Benevento portano bene. E questo, forse, è l’unica cosa positiva per la non facile trasferta del “Mazzella”.

Ecco il programma di questa dodicesima giornata:

Ischia - Benevento sabato 21 ore 14

Juve Stabia - Fidelis Andria sabato 21 ore 14,30

Cosenza - Monopoli sabato 21 ore 15

Casertana - Lupa Castelli Romani sabato 21 ore 17,30

Catanzaro - Messina sabato 21 ore 20,30

Catania - Foggia sabato 21 ore 20,30

Martina Franca - Akragas domenica 22 ore 14

Matera - Lecce domenica 22 ore 15

Melfi - Paganese domenica 22 ore 17,30

GINO PESCITELLI

Altre immagini