Calcio: un Benevento tutto cuore conquista il primo round della semifinale In primo piano

Con una gara bella ed in dubbio fino al 90', giocata soprattutto con il cuore e con la testa, il Benevento è riuscito ad avere la meglio sul Perugia, battuto per la prima volta in questo torneo, aggiudicandosi la prima gara delle semifinali play off. Così, si può continuare a sognare!

Per tantissimi motivi non era certamente una gara facile per i giallorossi, soprattutto se si considera che mentre il Perugia ha evitato il turno preliminare, quindi  era più fresco e riposato, i giallorossi soltanto martedì scorso hanno dovuto affrontare lo Spezia e non è certo facile giocare in tempi così ravvicinati.

Alla fine, però, Lucioni e compagni hanno stretto i denti, hanno tirato fuori tantissimo carattere, e soltanto così la stanchezza accumulata in quest’ultimo periodo ha pesato non più di tanto. In campo si sono visti undici “gladiatori” in maglia giallorossa ed è impossibile fare una classifica dei migliori in campo, anche se indubbiamente bisogna segnalare la prova di Lucioni e Camporese, ma anche di Chibsah, Viola e Puscas.

Il risultato finale di 1-0, grazie alla rete di Chibsah, ha premiato la “strega”, ma il cammino non è certo agevole, ed assolutamente non bisogna abbassare la guardia. Già martedì prossimo ci sarà la gara di ritorno al “Curi” di Perugia, dove l’undici di Baroni assolutamente non dovrà pensare solo a difendersi. In terra umbra Lucioni e compagni  dovranno giocare la loro partita, anche perché troveranno un Perugia con il dente avvelenato, che farà del tutto per contrastare i giallorossi nel passaggio alla finale contro Frosinone o Carpi (che si affronteranno lunedì sera dopo lo 0-0 della gara di andata).

Insomma, il Benevento ha vinto soltanto il primo round, ora ci sarà da superare il secondo, quello più importante e difficile.

Questa volta, però, anche l’undici di Bucchi, troverà maggiori difficoltà, dovendo giocare dopo appena tre giorni, ed il recupero fisico e mentale non sarà facile anche perché nella gara del “Vigorito” gli umbri hanno speso tantissime energie.

Però, il pronostico resta apertissimo, anche se i giallorossi giocheranno questa volta contro un avversario che avrà dalla sua parte un tifo incessante. Ai tifosi giallorossi sono stati riservati 2.000 ingressi al “Curi” e certamente martedì sera Lucioni e compagni non saranno soli perché oltre 1.000 biglietti già sono stati venduti.

Contro il Perugia praticamente mister Baroni ha schierato la stessa formazione che aveva battuto lo Spezia. Del resto, squadra che vince non si cambia. Così, come alla vigilia era stato preventivato, nessuna staffetta tra Gyamfi e Venuti, che per giunta non era neanche in panchina, e Camporese in campo anche se aveva chiuso la partita con lo Spezia con qualche problema fisico. Ed in panchina c’erano anche Cissè e Ciciretti, non al meglio e che comunque non sono entrati in campo. Poi, nel finale, quando la squadra era in affanno, Baroni ha schierato Pezzi per Lopez, Melara per Falco e Del Pinto per Ceravolo.

C’è da dire che il Benevento non ha sofferto molto la migliore freschezza del Perugia, ed anzi in qualche occasione ha anche sfiorato il raddoppio. E’ stata una gara giocata dai giallorossi con tanta volontà, supplendo così ad una condizione atletica che in questo periodo non è delle migliori, al termine di una stagione lunghissima e difficile. Ma in questo momento bisogna raccogliere tutte le ultime energie per cercare di raggiungere un obiettivo che sembra  essere sempre più vicino. Da parte sua il Perugia non ha impressionato più di tanto, dimostrando di essere una squadra certamente alla porta dei giallorossi.

Contro gli umbri veramente i giallorossi sembravano undici leoni, non stanchi ma convinti di poter scrivere un pezzo di storia. E’ inutile ripetere in questo momento che il sogno continua, e che martedì sera a Perugia questo sogno potrebbe diventare realtà.

GINO PESCITELLI

Altre immagini