CAUTANO - Ferisce connazionale con un cacciavite e si avventa contro i carabinieri. In manette nigeriano In primo piano

Lite a Cautano all'interno del centro di accoglienza per rifugiati politici Damasco 11, ubicato in via Loreto, tra due giovani nigeriani, ivi alloggiati.

Sul posto, nella tarda serata di ieri, sono intervenuti, a richiesta, i carabinieri della locale stazione identificando i coinvolti in Austin Agbigbi, nigeriano 41enne, e U.A., connazionale, 37enne.

Quest’ultimo, poiché ferito alla testa, è stato soccorso dai sanitari del 118 che hanno riscontrato una ferita lacero contusa alla regione temporale destra, giudicata guaribile in due giorni.

L’immediata perquisizione personale del 41enne, ha consentito il rinvenimento ed il sequestro di un cacciavite, con evidenti tracce di sangue, occultato nelle tasche degli indumenti: invitato a seguire gli operanti in caserma, Austin Agbigbi vi si è avventato contro, indirizzando loro calci e pugni, nel tentativo di divincolarsi, tuttavia è stato bloccato e definitivamente immobilizzato.

Dichiarato in arresto, dopo le formalità di rito, l'uomo è stato ristretto presso il centro di accoglienza per rifugiati politici Damasco 10, ubicato a Tocco Caudio, in attesa del giudizio direttissimo ed a disposizione dell’Autorità Giudiziaria a cui dovrà rispondere dei reati di violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale e Lesioni personali.

Si è accertato, infine, che la lite è scoppiata da futili motivi.

Altre immagini