In primo piano - Cives, le politiche della salute al centro della prima sessione della giuria popolare

Cives, le politiche della salute al centro della prima sessione della giuria popolare In primo piano

Giovedì 12 marzo alle ore 17.00 presso il Centro di Cultura 'R. Calabrìa', in Piazza Orsini 33, si terrà la prima sessione della Giuria Popolare sulle politiche della salute, in collaborazione con gli ospedali della città di Benevento.

Essa rientra tra gli appuntamenti dell’ottava edizione di “Cives - Laboratorio di formazione al bene comune”, e prevede gli interventi di Raffaele Sinno, docente di Bioetica e Dirigente di I Livello in Anestesia e Rianimazione presso L'Ospedale S. Cuore di Gesù - Fatebenefratelli e di Giampiero Maria Berruti, commissario straordinario e direttore sanitario dell’Azienda Ospedaliera “G. Rummo” - Benevento.

Le modalità di realizzazione della giuria popolare prevedono il coinvolgimento - accanto a quanti seguono le lezioni proposte dal laboratorio Cives - di un campione rappresentativo di cittadini di Benevento, a cui è stata inviata una lettera in cui si è chiesta la disponibilità a partecipare a due incontri (il 12 e 27 marzo). Essi sono strutturati in modo che prima si approfondiscano e poi si valutino le azioni messe in atto dal management delle due strutture ospedaliere per garantire le migliori prestazioni sanitarie, in particolare sotto il profilo relazionale tra medici, operatori sanitari e pazienti.

Il laboratorio Cives è promosso dall’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro della Diocesi di Benevento in collaborazione con il Centro di Cultura “R. Calabria” e l’Università Cattolica del Sacro Cuore.  Il tema generale dell’edizione 2014 - 2015, che prevede 12 incontri,  è: “Scegliere la felicità. Percorsi per la felicità pubblica e personale”.

Il coordinamento dell’iniziativa formativa è affidato a Ettore Rossi, direttore dell’Ufficio per i problemi sociali e il lavoro e a Daniele Mazzulla, coordinatore del Centro di Cultura “R. Calabria”, mentre la direzione scientifica è svolta da Paolo Rizzi, docente dell’Università Cattolica.

Altre immagini