Commissione Regionale Pari Opportunità, Principe: 'Impegnati su criteri di indirizzo delle iniziative legislative' In primo piano

Non si è fermata, con il periodo pasquale e i vari ponti del fine aprile, l'attività della Commissione Regionale delle Pari Opportunità, informa Vittoria Principe, componente commissione Regionale Pari Opportunità. “Infatti in questo periodo stiamo pianificando una serie di iniziative da porre in essere e che riguardano le varie opportunità in termini progettuali attivabili con i fondi della Regione per i territori campani. La commissione regionale è per la parità dei diritti tra uomo e donna - continua l'esponente politico - ma esercita anche ruolo consultivo e di proposta per la rimozione degli ostacoli di fatto limitativi nella parità stabilita dalla Costituzione e dalle leggi di parità. Un lavoro complesso e costante, quindi, che si sviluppa anche attraverso il monitoraggio di quanto è attivato o meno, a livello Istituzionale, sui territori, in materia di Pari Opportunità, cosi come prevede la legge vigente in materia. Un osservatorio costante, un punto di riferimento e di pianificazione e programmazione che partendo dallo stato dell’arte, possa realizzare le finalità previste dalla legge”.

Principe sottolinea l'orientamento delle attività della Commissione. “Saremo impegnate su vari fronti a partire dai criteri di indirizzo, proposta e coordinamento delle iniziative normative e amministrative in tutte le materie attinenti alla progettazione e alla attuazione delle politiche di pari opportunità; l'acquisizione e l'organizzazione di informazioni, anche attraverso la costituzione di banche dati, nonché la promozione e il coordinamento delle attività conoscitive, di verifica, di controllo, di formazione e informazione nelle materie della parità e delle pari opportunità; l'adozione e il coordinamento delle iniziative di studio e di elaborazione progettuale inerenti le problematiche della parità e delle pari opportunità; la definizione di nuove politiche di intervento, di studio e promozione di progetti ed iniziative, nonché di coordinamento delle iniziative delle amministrazioni e degli altri enti pubblici nelle materie della parità e delle pari opportunità. Questi alcuni aspetti in via di definizione che in commissione stiamo verificando. Quando sarà terminato anche l’iter per la definizione dell’organigramma della commissione partiremo con la seconda fase, quella dei contatti con i territori”.

Altre immagini