Confindustria: 120 milioni per la competitività delle imprese In primo piano

Si sono conclusi i lavori del Seminario Tecnico Intervento Straordinario per la Competitivita' tenutosi questo pomeriggio in Confindustria Benevento ed organizzato dalla Sezione Terziario Avanzato, tlc e servizi alle imprese.

Sono 120 i milioni messi a disposizione sulla misura in oggetto che mira a favorire:

a) la crescita competitiva delle PMI operanti nei settori industriale, commerciale, turistico e della valorizzazione del patrimonio artistico, culturale e naturalistico, supportandone lo sviluppo, il rafforzamento patrimoniale e la capacità di generare innovazione;

b) la realizzazione di nuovi investimenti, ampliamento, ammodernamento e ristrutturazione delle strutture turistico-alberghiere, ivi comprese le strutture di servizi funzionali allo svolgimento dell'attività e alla valorizzazione e fruizione del patrimonio storico, artistico e culturale, nonché gli interventi volti al superamento delle barriere architettoniche, al rinnovo ed aggiornamento tecnologico, al miglioramento dell'impatto ambientale.

L’intervento prevede finanziamenti agevolati al tasso dello 0% - con accesso mediante procedura valutativa a sportello - rimborsabili in 40 rate trimestrali posticipate costanti. Sono concessi 12 mesi di preammortamento.

Abbiamo organizzato questo incontro - ha spiegato Giuseppe Pacelli, presidente Sezione Terziario Avanzato, tlc e servizi alle imprese per due importanti ragioni.

La prima è che questo bando offre molteplici opportunità di investimento alle imprese operanti nei settori industriale, commerciale, turistico e della valorizzazione del patrimonio, artistico, culturale e naturalistico. La seconda è che la nostra sezione raggruppa per la maggior parte imprese di consulenza e pertanto ha quale compito principale quello di mettere a servizio delle imprese tutto il proprio bagaglio di esperienze e conoscenze per offrire l’opportunità di migliorare prodotti e servizi e divenire sempre più competitive. Benevento risulta al 99esimo posto nella graduatoria delle province per maggiore ricchezza prodotta, davanti alla sola provincia di Caserta per la Campania. Pur tuttavia, negli ultimi anni si scorgono segnali di vivacità nel tessuto imprenditoriale sannita che segna interessanti valori in aumento dei volumi di export. Dico questo in quanto ritengo che partendo da tali premesse sia fondamentale offrire alle realtà produttive presenti, una reale opportunità di crescita e sviluppo anche attraverso gli strumenti finanziari messi a disposizione dalla Regione Campania”.

A portare il saluto anche dei dottori commercialisti è stata Ida Palmieri, presidente dei giovani dottori commercialisti di Benevento che ha dichiarato: “I commercialisti hanno interesse ad approfondire tutte le opportunità presenti, tuttavia spesso c’è una mancanza di informazione e questo aspetto certamente non aiuta. Ringraziamo Confindustria per aver organizzato questo importante seminario conoscitivo. Le imprese hanno necessità di approfondire alcuni argomenti ma hanno bisogno di essere supportate in questo percorso”.

Per Mariano Iadanza di Sviluppo Campania il bando “Interventi straordinari per la competitività” è essenzialmente diretto ad incrementare la competitività delle imprese attraverso un sistema che comprende la quasi totalità dei codici ateco e finanzia una molteplicità di attività. “Gli interventi vanno da un minimo di 50mila euro ad un massimo di 2,5 milioni di euro. L’obiettivo è quello di trasformare la Campania da regione della Convergenza a regione della Competitività così come hanno già fatto in altre parti d’Italia. È fondamentale, inoltre, poter costituire un tavolo di confronto con Confindustria per meglio tarare i fondi a disposizione rispetto alle reali esigenze del sistema delle imprese”.

I lavori sono stati moderati da Michele Farese che ha messo in evidenza l’importante ruolo di cerniera svolto da Confindustria Benevento che potrebbe essere camera di compensazione rispetto alle esigenze delle aziende secondo una nuova logica che vede la Regione improntata sempre di più a rispondere, attraverso misure incentivanti, alle esigenze del mondo produttivo.

Altre immagini