Contrasto al lavoro nero nel Sannio: due denunce e multe per oltre 14mila euro In primo piano

I carabinieri del Nucleo Ispettorato del Lavoro, con la collaborazione delle stazioni di Cautano, Ponte e Pietrelcina, hanno eseguito diversi controlli presso aziende agricole ed imprese del settore edilizio, accertando violazioni ed irregolarità di varia natura.

L’Arma ha sottoposto a verifica numerose aziende giungendo alla denuncia in stato di libertà di 2 persone per violazioni riconducibili all’impiego di lavoratori “in nero” ed alla contestazione di diversi illeciti amministrativi, per i quali sono state comminate sanzioni ammontanti a 14.500,00 euro.

In particolare: a Tocco Caudio sono stati individuati due lavoratori non assunti regolarmente presso un’azienda operante nella lavorazione e trasformazione del legno, di cui uno, di nazionalità ghanese, anche privo di permesso di soggiorno. Al titolare della struttura sono state contestate diverse violazioni amministrative riguardanti l’impiego di lavoratori senza la preventiva comunicazione di instaurazione del rapporto di lavoro, quella per aver dato occupazione ad un cittadino straniero privo del permesso di soggiorno, quella per non aver consegnato ai lavoratori la prevista dichiarazione di assunzione ed infine quella per aver occupato al lavoro, in modo continuativo, un lavoratore senza la registrazione nella documentazione obbligatoria, comminandogli complessivamente sanzioni per un importo di 10.500,00 euro.

A Ponte, invece, è stato segnalato alla competente Autorità Giudiziaria il titolare di una ditta operante nel settore edilizio poiché occupava all’interno dell’impresa un dipendente con mansioni amministrative in assenza di un regolare contratto di assunzione.

A Pietrelcina, infine, è stato deferito il responsabile di un cantiere edile di una ditta del casertano incaricato della ristrutturazione del centro sociale polivalente del Comune di Pietrelcina per aver consentito ad un imbianchino di lavorare nella struttura pur in assenza di un regolare contratto di assunzione. Alla stessa ditta sono state anche contestate sanzioni amministrative per un importo totale di 4.000,00 euro.  

Altre immagini