Controlli dei carabinieri ad ampio raggio. Denunce, fogli di via e segnalazioni per droga In primo piano

I carabinieri della Compagnia di Benevento, durante lo svolgimento dei rafforzati servizi di pattugliamento finalizzati al contrasto dell’assunzione smodata delle bevande alcoliche e degli stupefacenti durante la movida notturna del fine settimana, hanno deferito in stato di libertà per guida in stato di ebbrezza alcolica un 38enne incensurato, originario di Benevento ma residente in un Comune della provincia sannita.

L’uomo è stato fermato da una pattuglia dei militari del Nucleo Operativo e Radiomobile in via Aldo Moro mentre percorreva a bordo della sua autovettura viaggiando esattamente al centro della carreggiata. Una volta fermato ed identificato, i carabinieri si sono accorti che il 38enne rispondeva alle domande formulategli biascicando; per cui i militari dell'Arma lo hanno subito sottoposto all’alcool-test il cui esito ha subito evidenziato che l’uomo era in forte stato di ebbrezza alcolica. Dopo gli adempimenti di rito, i carabinieri gli hanno ritirato la patente e sequestrato l’autovettura.

Sempre in via Aldo Moro, le Forze dell'Ordine hanno fermato due uomini di nazionalità marocchina, rispettivamente di 25 e 28 anni. I due, infatti, sono stati intercettati mentre si aggiravano a piedi controllando gli abitacoli delle autovettura in sosta. Condotti entrambi in Caserma, a seguito degli accertamenti, è emerso che i due stranieri, peraltro fratelli, erano provenienti da Terzigno (Na) e che erano gravati da un consistente numero di precedenti giudiziari per furto, nonché destinatari di fogli di via obbligatori per altri Comuni della Campania. Inoltre, attese anche le insufficienti motivazioni fornite dai due individui circa la loro presenza in città, i carabinieri li hanno proposti entrambi per l’irrogazione di un nuovo foglio di via obbligatorio.

A Pago Veiano, invece, i carabinieri della stazione di Pietrelcina hanno fermato in via Papa Giovanni XXIII un 49enne operaio con precedenti a carico. L’uomo stava percorreva la suddetta via fino a quando non è stato fermato dai militari che, durante lo svolgimento degli accertamenti, gli hanno trovato addosso un involucro cartaceo contenente circa un grammo di cannabis indica ed uno spinello confezionato con la stessa sostanza stupefacente, nascosti all’interno di una tasca del cappotto che indossava.

Analogamente a Paduli, i carabinieri della locale stazione hanno fermato in via Rocco Ranaldo un 30enne originario e residente nella provincia romana, nullafacente ed incensurato. L’uomo, dopo essere stato identificato, a seguito di perquisizione, è stato trovato in possesso di un barattolino di vetro contenente circa un grammo di marijuana, un grinder in plastica, nonché alcune cartine da utilizzarsi per il confezionamento degli spinelli. Il tutto nascosto all’interno di una tasca del giubbotto che indossava.

In ambedue i casi la droga è stata sequestrata.

Ancora a Paduli, i militari, durante il pattugliamento di contrada “Torre” hanno intercettato un uomo di 46 anni, di nazionalità rumena mentre si aggirava a bordo del suo ciclomotore a fari spenti nonostante la pioggia. Insospettiti dalla circostanza i carabinieri lo hanno subito fermato e condotto in Caserma per gli accertamenti. Qui, oltre a verificare i vari precedenti giudiziari per furto esistenti a suo carico, i militari si sono accorti che il ciclomotore presentava alcune anomalie in quanto era pure senza targa. Infatti, a seguito di più accurate verifiche, è emerso che il mezzo risultava essere stato rubato a Napoli dove la proprietaria, una casalinga di 54 anni, ne aveva sporto denuncia. Il mezzo, infine, è stato sequestrato.

Altre immagini