Fiumi e risorse forestali: a Sannio StART presentati due progetti In primo piano

Sannio Start riparte da Torrecuso con la presentazione di 2 progetti di pubblico interesse, strategici e innovativi per la provincia di Benevento. I progetti, per i quali le Pubbliche Amministrazioni non esborsano cassa ma affidano concessioni, sono stati presentati nella giornata di lunedì 18 aprile nella location di Palazzo Caracciolo-Cito.

Si tratta di un project financing per la salvaguardia, la tutela e la valorizzazione dell’habitat fluviale del Sannio e di un contratto di sviluppo per la tutela e la conservazione delle risorse forestali.

Con queste proposte concrete Sannio StART risponde alla crescente complessità di gestione del territorio affermando oggi che un percorso orientato alla sostenibilità è tecnicamente possibile ma deve avere come presupposto una visione condivisa tra tutti gli stakeholders, un approccio manageriale al territorio e, come conclusione, un nuovo patto sociale tra pubblico e privato che trova anche giuridicamente e modernamente applicazioni possibili.

L’iniziativa, che segue la convetion di Telese Terme, è stata organizzata dal consigliere regionale Mino Mortaruolo e sostenuta dal Pd sannita. La chiamata alle armi del consigliere Mortaruolo ha ricevuto una risposta eccellente. Presenti i rappresentanti delle Istituzioni, della politica locale, regionale e nazionale, del mondo delle imprese e delle associazioni.

Dal segretario provinciale del Pd Carmine Valentino al sottosegretario Umberto Del Basso De Caro, dal commissario straordinario per l’emergenza alluvione Giuseppe Grimaldi al presidente della Provincia Claudio Ricci, dal rettore dell’UniSannio Filippo de Rossi al capo del Genio Civile Giuseppe Travia, dal presidente di Confindustria Biagio Mataluni ai presidenti delle ASI di Benevento e Avellino, ai presidenti delle Comunità Montane del Taburno e del Partenio, tutti hanno preso parte alla giornata di lavori a Torrecuso. Presenti in sala anche molti professionisti, esponenti dei sindacati, delle organizzazioni agricole, addetti ai lavori e molti democratici e democratiche sannite.

Il confronto è stato approfondito e fattivo. Nella sessione mattutina, è stato raggiunto l’obiettivo della condivisione del progetto “La tutela e la valorizzazione dell’habitat fluviale della provincia di Benevento” illustrato dal presidente del Consorzio CONAS Barbato Iannella.

Le autorità, sollecitate da Confindustria, hanno concordato in merito alla necessità di procedere con determinazione in brevissimo tempo e il commissario Grimaldi ha assunto il ruolo di verificatore del procedimento.

Nel pomeriggio si è invece proceduto alla presentazione del progetto “La tutela e la conservazione delle risorse forestali”, progetto esposto dalla società STAT srl già titolare di un progetto analogo nella regione Puglia relativo alla sintesi bosco-legna-energia.

Anche in questo caso le conclusioni del consigliere Mortaruolo sono state improntate alla condivisione del progetto con la necessità di procedere in maniera rapida e determinata.

“Nel Sannio abbiamo le condizioni per fare del nostro territorio ricchezza e produttività, anche in un momento drammatico come quello che ci è stato consegnato dall’alluvione - ha commentato il consigliere Mortaruolo -. Dimostreremo come sia possibile ad esempio pulire tutti gli alvei fluviali, metterli in sicurezza e, nel segno dell’economia sostenibile, creare anche opportunità di lavoro. Pensiamo di farlo attraverso un Consorzio di imprese tutte sannite, pronti, ovviamente, a mandare tutte le carte all’Anac perché per noi la legalità è un fattore imprescindibile.

Poi c’è l’accordo di programma sulle foreste che prevede l’assorbimento di alcuni operai a tempo determinato, che da anni vivevano situazioni critiche, avviate finalmente da quest’anno sulla strada della soluzione con l’impegno del presidente De Luca.

Si tratta nel complesso di azioni innovative che rappresentano per lo sviluppo del territorio una direzione quasi obbligatoria se pensiamo che l’economia globale si sta sempre più orientando verso l’energia sostenibile e rinnovabile”.

Nel corso della sessione mattutina dei lavori, il consigliere regionale Mino Mortaruolo ha annunciato anche che la Commissione Europea ha concesso la deroga al disimpiego delle risorse, relativa alla programmazione 2007-2013, per progetti attinenti ad alcuni Comuni sanniti il cui termine di ultimazione dei lavori dovrà coincidere con la scadenza già prevista per la programmazione 2007-2013 fissata al 31 marzo 2017. Si tratta ora di attendere l'elenco ufficiale, che probabilmente sarà divulgato a breve, delle opere accolte e di quelle non accolte con la relativa motivazione. 

Altre immagini