In rampa di lancio la prima edizione del 'Soundproof Festival' In primo piano

E' in arrivo la prima edizione del Soundproof Festival, una manifestazione ricca non soltanto di artisti nazionali in esclusiva ma concepita come un modo di guardare alla città in divenire, che si trasforma diventando un palcoscenico a cielo aperto con numerose iniziative e attività collaterali che renderanno Benevento una delle città protagoniste dell’estate 2016.

L’intento del Soundproof Festival è di porre l’accento su alcuni artisti indipendenti, che negli ultimi tempi stanno raggiungendo successo soprattutto a livello mediatico. Il Festival intende avviare un processo di riposizionamento culturale della città a livello regionale, rivolgendosi non soltanto al pubblico del territorio, ma parlando anche alle città e ai paesi limitrofi.

La location del Festival è l’Arena Musa di Benevento, situata in Contrada Santa Cumana 1, a pochissimi km dal centro città. Si esibiranno complessivamente dieci artisti, di cui otto appartenenti allo scenario musicale nazionale e due band locali.

Più nel dettaglio, il festival si articolerà come segue:

sabato 3 settembre sarà dedicato esclusivamente alla musica. Si inizia alle ore 18.00 con un aperitivo con “secret band”; alle 20.00 si esibisce la prima band locale, Policrom, duo beneventano con seguito nazionale dopo l’uscita dell’Album La vita degli altri, prodotto da Cosmo, seguita dai cinque gruppi nazionali, rispettivamente, Yakamoto Kotzuga, un giovane talento - classe ’94 - da beat avvolgenti; Landlord, il cui successo inizia grazie al TalentShow XFactor su Sky Uno che li ha portati fino al grande palco dello Sziget Festival, i quali presenteranno il nuovo album in esclusiva nazionale; Inude, esibitesi già alla serata di apertura presso il Morgana Music Club, il 30 giugno scorso; ed infine, Populous, producer salentino vincitore del premio “La musica elettronica del futuro”.

Domenica 4 settembre le porte del Soundproof Festival si apriranno già durante la mattinata. Alle ore 12.00, ad aspettare tutti i curiosi ci sarà un brunch, a cura del Wapo Bar e otto ragazzi da tutto il cento sud, che esporranno le proprie creazioni grazie all’iniziativa “Soundproof Homemade”. Nel particolare, si potranno acquistare abiti, costumi all’uncinetto e birre artigianali o dare un’occhiata ai quadri esposti di artisti locali. La musica entrerà in scena verso le 18.00, con un aperitivo e l’esibizione degli artisti.

Alle ore 20.00, invece, sarà possibile ascoltare un artista della provincia di Benevento, Dylan Iuliano alias The Delay in the universal loop, autore di “Split Consciousness” uscito negli Stati Uniti acclamato dalla critica in tutto il mondo; alle 21.00, un duo electro-pop campano, Yombe; alle 21.30 Godblesscomputers, producer innovativo dal sound che varia dal jazz, all'elettronica di matrice inglese, passando per l'hip pop e il funk; alle 22.30, diletterà il pubblico Dardust, uno tra i migliori esempi italiani in grado di rappresentare l’unione e l’evoluzione dell’elettronica con la musica classica; ed infine, chiuderanno la serata, Aucan, fiore all’occhiello del Festival.

Altre immagini