La denuncia. 'La frana del Lungosabato don Emilio Matarazzo è ancora lì... i cittadini attendono i fatti' In primo piano

'Dopo il clamore, come sempre, il torpore. La Santa Pasqua è passata e la frana del Lungosabato don Emilio Matarazzo, al rione Libertà di Benevento, è ancora lì dopo l’iniziale interessamento dei media e della politica'.

Questo l'incipit della nota di denuncia inviata da Emilio Spiniello in qualità di abitante della zona.

'I lavori “urgenti” - prosegue - al muro d’argine crollato per il maltempo nel febbraio scorso, tardano a partire ed i cittadini fanno sentire il proprio risentimento per la chiusura prolungata dell’importante arteria all’incrocio con via Mario Pascucci. Da tenere in considerazione la presenza di due attività commerciali nell’area e di una frequentata fermata dell’Amts.

Il 17 febbraio scorso - si evidenzia nello scritto - il sindaco di Benevento, Fausto Pepe, dichiarò che entrò un mese sarebbe iniziato il cantiere: cosi non è stato purtroppo.

Bene lo stanziamento di 5 milioni euro, ma ora bisogna dare, se è il caso, un bel taglio alla burocrazia e ai tempi morti per far iniziare i lavori al più presto.

Pare sia stata trovata anche la soluzione tecnica per la ricostruzione della strada, del marciapiede e dell'argine che ha ceduto: meglio di cosi!

Ora i residenti attendono i fatti - conclude Emilio Spiniello - e quindi un’accelerata per il risanamento del dissesto idrogeologico e per la riapertura della strada'.

Altre immagini