La Fiera di Morcone 2017 si fregia del patrocinio dell'Asl Bn 1 In primo piano

L'edizione 2017 della Fiera di Morcone si annuncia piena di interessanti appuntamenti che vanno oltre l'aspetto commerciale. Dopo la sottoscrizione del protocollo d'intesa con L'Istituto Superiore “Don P. Diana” arriva l'ok dell'Asl Bn 1, con il patrocinio e un interessante seminario.

Filiera delle carni: Azioni a tutela dei consumatori, dei prodotti e delle imprese è il titolo del seminario che si terrà nei giorni 21, 22, 23, 24 settembre.

Agli incontri parteciperanno esperti del settore zootecnico, medici veterinari e associazioni di categoria.

Nella giornata di domenica 24 settembre a partire dalle ore 17.00 si terrà anche una tavola rotonda a cui prenderanno parte rappresentanti di Asl  Benevento, Regione Campania, Izsm, Carabinieri Forestali, Camera di Commercio, Assica, Unione industriali, Associazioni di categoria agricole, Ordine  Veterinari, Università del Sannio.

Soddisfazione arriva dal presidente della Fiera di Morcone, Giuseppe Solla,

“Quest'anno ritorna anche il settore zootecnico, uno spazio importante per la promozione degli allevamenti e della filiera delle carni. Avere il sostegno dell'Asl è importantissimo, perché conferisce più valore al discorso della sicurezza alimentare, e del benessere animale negli allevamenti”.

Dall'Asl Bn 1 Danila Carlucci, veterinaria, spiega l'importanza del protocollo d'intesa e del seminario in programma.

“Il protocollo tra Fiera di Morcone e Asl è utile per creare un momento di discussione su temi importanti come la salute animale e la sicurezza alimentare. L'obiettivo è rilanciare la filiera delle carni rosse che attraversa un momento di crisi,per questo  presenteremo una serie di azioni che l'Asl sta svolgendo con il  servizio veterinario per tutelare e controllare allevamenti e prodotti.

Vogliamo mettere in evidenza quanti e quali controlli vengono effettuati negli allevamenti, al macello, nelle strutture di trasformazione, ma anche nelle macellerie e nei ristoranti.

Come medico veterinario posso confermare che  le carni rosse sono in assoluto l'alimento più controllato.

Ci sono 38 piani di monitoraggio diversi, che vanno dalla ricerca di pericoli di natura chimica, microbiologica,come può essere il piano nazionale residui,fitosanitari, l'esposizioni a radiazioni ecc.

Chi sceglie di consumare carne rossa da allevamenti italiani può stare tranquillo”, conclude la dottoressa Carlucci.

Altre immagini