L'Associazione Famiglie Adottive 'La Casa di Giuseppe' ha festeggiato i tre anni In primo piano

Il 28 maggio si e' tenuta presso il ristorante 'D.G. Garden' la cena annuale dell'Associazione Famiglie Adottive 'La Casa di Giuseppe'.

L'Associazione, nata nel maggio del 2012, ha festeggiato i tre anni con i soci e gli amici, sessanta persone tra adulti e bambini.

Il presidente Sergio Fattore, dopo aver fatto un veloce resoconto delle iniziative realizzate, ha sottolineato il compito che si prefigge il gruppo di famiglie: migliorare il rapporto tra genitori adottivi e Enti autorizzati, Istituzioni Territoriali e Nazionali, Commissione Adozioni e relazione Scuola famiglia.

Ha preso poi la parola il sindaco di Benevento Fausto Pepe che, dicendosi felice per l’iniziativa, si è soffermato sul grande lavoro del Comune nell’ambito del sociale, evidenziando che ingenti risorse economiche sono stanziate in favore di tali problematiche, anche inerenti ai minori.

Il primo cittadino ha anche rimarcato che tanto lavoro si può fare, con la collaborazione di associazioni come quella de 'La casa di Giuseppe', per migliorare sempre più lo status di bambini che non hanno la fortuna di avere una famiglia.

Per la cena associativa è stato scelto un tema proposto da una delle iniziative che caratterizza l’Associazione: il teatro, perché il teatro supera le barriere dell’indifferenza e dell’incomunicabilità; perché arriva al cuore della gente, supera le diversità e ti fa sentire a casa; perché è uno strumento di integrazione, di conoscenza e impegno sociale; perché il teatro è il linguaggio espressivo e la narrazione anche di quello che siamo.

L'Associazione si avvale, infatti, di una compagnia amatoriale, diretta dalla regista Antonella Strumolo, che ha animato la serata tra brevi performance di chitarra dal vivo e letture di brani sull’adozione.

Altre immagini