Legge sulla semplificazione agricola. Mortaruolo: 'Vogliamo favorire la ripresa di occupazione nel comparto' In primo piano

Il consigliere regionale e vicepresidente della Commissione Agricoltura della Campania, Erasmo Mortaruolo ha preso parte ieri alla seduta di Consiglio regionale che ha dato il via libera alla legge sulla semplificazione e alla proposta di legge “Disposizioni regionali in materia di semplificazione dell’attività agricola. Modifica alla legge regionale 8 agosto 2016 n. 2”.

“La semplificazione resta la nostra parola d'ordine - commenta Mortaruolo -. Il ddl a iniziativa del presidente De Luca prevede tra l'altro che i Comuni che abbiano ottenuto il trasferimento di funzioni di competenza in materia di Genio Civile possano rinunciare a tale trasferimento motivandone adeguatamente la richiesta; che i direttori di distretto delle Asl siano nominati secondo le procedure previste dalle norme nazionali di settore; l'accorpamento delle società ambientali e delle agenzie Arpac, relativa all'ambiente e Acam, alle infrastrutture e alla mobilità”.

Via libera anche alla proposta di legge che prevede azioni di semplificazione per le attività di cerealicoltura e di produzione delle leguminose. “L'approvazione unanime sia in Commissione - fa notare il vicepresidente Mortaruolo - che in Aula è un segnale importante anche per i cittadini. È il segnale di grande senso di responsabilità di tutte le forze politiche che hanno contribuito a questo passo in avanti in campo agricolo. Il nostro intento è stato quello di puntare a uno snellimento delle procedure e a un allineamento della legislazione campana a quella delle altre regioni d'Italia. Come ho ribadito in più occasioni semplificare significa ottimizzare il lavoro degli agricoltori e favorire la ripresa di occupazione e di investimenti nel comparto”.

Altre immagini