'Maleventum Contest', al Museo Arcos i diversi linguaggi dell'arte contemporanea In primo piano

Maleventum Contest è il titolo della prima edizione del concorso internazionale di arte contemporanea, presentata il 10 aprile alla stampa dal direttore del Museo Arcos Ferdinando Creta, per riaccendere i riflettori nel magma incandescente dei nuovi linguaggi che sgorgano dai vulcani della creatività con la sperimentazione di materiali, combinati con tecniche diverse, per leggere nella realtà odierna i simboli esistenziali nell’immenso mare del terzo millennio.

Creta, sensibile ed attento ai mutamenti sociali, ai fermenti artistici, ha presieduto la giuria per selezionare i fotografi, gli scultori ed i pittori, composta da Massimo Bignardi dell’Università di Siena, dagli artisti Angelo Casciello, Angelo Marra e Attilio Michele Varricchio.

Sono stati ammessi 42 artisti, che si sono messi in gioco per affrontare le nuove sfide nei contesti odierni, per mostrare le loro opere e per esaltare le tendenze emergenti del postmodernismo.

La Campania è rappresentata: da Salerno Antonella Pagnotta, da Caserta Monica Funaro, Flavio Lombardi, Milena Picariello e Bianca Vitale, da Napoli Luigi Albini, Alessio Francesco, Federica Ariemma, Raffaele Avella, Pina Candileno, Maria Grazia Capozzi, Peppe Esposito, Fiorella Meo, Maya Pacifico, Stefania Raimondi, Viviana Rasulo, Umberto Riccelli, Giovanni Riggiero, Stefania Sabatino, Raffaele Sammarco, Alfonso Sorrentino, Veronica Vecchione e Giuseppe Carlo Zuozo.

I molisani ad esporre sono sei: Antonio Pallotta, Maria Grazia Colasanto, Cosmo Di Florio, Antonio Natale Di Maria, Salvatore Fiore e Roberto Melfi.

Nonostante alcuni artisti siano all’estero hanno voluto partecipare alla prova di selezione e dunque sono state scelte le opere di: Simona Pietropaolo da Londra, Italo Somma da anni residente a Santa Cruz de Tenerife e Beatrice Zagato da Barcellona.

La parte estrema del Sud Italia è rappresentata dalla messinese Virginia La Tella, mentre dal Nord arrivano Alessandro Bulgarini da Brescia e il duo Barbara Bruno e Loretta Mazzetto in arte MISS BROWN & M.LLE BOUQUET da Torino, da Cassino Raimondo Carretta, dall’Abruzzo Castel di Sangro Giuliana Amorosi.

Sono stati ospitati i sanniti, noti nella città capoluogo: Gabriella Crisci, Valeria de Rienzo, Fabio Franzese, Nicola Rummo e Michele Spina.

Dal 12 aprile con il taglio del nastro, alle ore 11.00, nel polo museale di Via Stefano Borgia, la mostra è aperta al pubblico e gratuita fino al 31 maggio. Il presidente dell’Associazione Artistica 2014 Lucio Ariemma, ha profuso le sue migliori energie per l’iniziativa intrapresa, ha ringraziato la Provincia di Benevento e la Camera di Commercio per il patrocinio e gli sponsor che hanno aderito all’evento.

NICOLA MASTROCINQUE

Altre immagini