Morto un operaio Enel. Il cordoglio del sindaco Fausto Pepe In primo piano

Purtroppo, l'alluvione di ieri ha fatto registrare la terza vittima, un operaio dell'Enel di 38 anni e' morto in mattinata mentre tentava di ripristinare le linee elettriche in zona Ponte Valentino.

Solidarietà alla famiglia e ai colleghi è stata espressa dal sindaco Fausto Pepe.

A distanza di poco più di 24 ore dall’alluvione - ha detto il primo cittadino - paghiamo ancora un tributo di sangue. Un operaio dell’Enel, un ragazzo di Benevento di 38 anni, ha perso la vita stamattina mentre tentava di ripristinare le linee elettriche in zona Ponte Valentino. E’ morto mentre faceva il suo lavoro, mentre tentava di aiutare la sua città duramente colpita. Una tragedia nella tragedia. Esprimo la mia più profonda solidarietà alla famiglia e ai colleghi”.

Coloro che hanno le case danneggiate e che hanno bisogno di smaltire il materiale di risulta possono accumularlo davanti alle proprie abitazioni e segnalare il fatto inviando un fax al numero Caritas 082425981. Il fax deve contenere nome, cognome, indirizzo e numero di telefono. L’Asia provvederà a ritirare i materiali.

In una riunione tenutasi in mattinata alla scuola Moscati, pesantemente danneggiata, è stato affrontato il tema della ripresa delle lezioni. Si è stabilito di cercare un altro istituto scolastico, possibilmente nei pressi della Moscati per non arrecare ulteriori disagi alle famiglie, per ospitare temporaneamente le classi del plesso inagibile.

Attualmente si sta ancora provvedendo alla messa in sicurezza di persone, case e aziende; successivamente si passerà al ripristino della viabilità ancora interrotta, in particolare si provvederà al drenaggio dell’acqua dai sottopassi ancora allagati.

Altre immagini