Padre Pizzaballa, custode di Terrasanta in visita a Benevento. 'Non abbiate paura di recarvi nei luoghi santi' In primo piano

L'incontro con Padre Pierbattista Pizzaballa promosso dal Centro Studi del Sannio presso la Basilica della Madonna delle Grazie in Benevento, e' di quelli che lasciano il segno. La caratura dell'ospite è apparsa subito tangibile tanto nell'aspetto esteriore da francescano umile che nel tono pacato e convincente emerso nel corso dell'allocuzione. Come Custode di Terrasanta dal 2004 e poi riconfermato, Padre Pizzaballa conosce come nessun altro la situazione politica e sociale di quel territorio che noi attenzioniamo oggi soprattutto per le questioni politiche e i conflitti che ne derivano.

Padre Pizzaballa, anche in qualità di presidente dell'Associazione pro Terra Santa, ha fornito tantissime e utili informazioni sullo stato di quei territori e soprattutto sul valore della presenza cristiana che sia pure in minoranza sa dialogare con le altre realtà religiose e politiche. Si percepisce subito che il suo è un compito che richiede saggezza, equilibrio e amore.

Di fronte a una platea stracolma e attenta questa carismatica figura di religioso ha destato tanta ammirazione ma ha anche stimolato a tante riflessioni e curiosità. Rassicurante nelle risposte ha sgombrato i timori e le paure per eventuali intenzioni di visita ai Luoghi Santi. Il 2016, anno della Misericordia, può essere l'occasione per i cristiani di visitare i Luoghi Santi, dove non mancano accoglienza, ospitalità e assistenza da parte dei Frati e di tutta la comunità cristiana.

Tra gli eventi di quest'anno è da sottolineare l'apertura della Porta della Misericordia nella parrocchia di San Francesco ad Aleppo.

Nell'incontro avuto con la stampa sannita Padre Pizzaballa ha chiarito molto bene il suo ruolo di Custode in Terrasanta con giurisdizione sui territori di Israele, Palestina, Giordania, Libano, Cipro e Rodi, un'istituzione che ha radici molto lontane nella storia della Cristianità e che continua ad aver un ruolo concreto e vitale anche nel gestire la pacifica convivenza con le altre fedi religiose.

In occasione del Giubileo della Misericordia, la visita in Terrasanta può essere occasione di un pellegrinaggio verso tutti i luoghi Santi dove i Francescani hanno il compito di accogliere i pellegrini e di percorrere insieme a loro un itinerario di fede, un cammino dell'anima.

Padre Pizzaballa non ha mancato di esortare tutti i cristiani a continuare a credere che sia possibile raggiungere la pace e soprattutto che si continui a custodire il patrimonio unico della testimonianza di Cristo nei Luoghi Santi.

ORNELLA CAPPELLA

Altre immagini