Pellegrino ed Elio Mastella: 'Stanchi di essere tirati in ballo. Il Pd la smetta di infangare il nostro nome' In primo piano

Di seguito riportiamo un intervento dei due figli del candidato sindaco Clemente Mastella, Pellegrino ed Elio, in merito alle affermazioni del segretario provinciale del Pd, Carmine Valentino, rese ieri in conferenza stampa.

Occupiamoci di Benevento

Abbiamo annunciato querela contro le dichiarazioni, i sospetti, le insinuazioni e le accuse lanciate ieri nella conferenza stampa del Pd, non per motivi di opportunità politica ma per difendere semplicemente la nostra onorabilità.

Noi due, Pellegrino ed Elio Mastella, figli del più noto Clemente, siamo francamente stanchi di essere tirati in ballo, con cadenza regolare, ad ogni campagna elettorale. Rispetto all'ultima vicenda utilizzata, relativa ad alcune abitazioni da noi acquistate, nel 2004, ribadiamo il diritto per due professionisti, uno avvocato l'altro ingegnere, a comprare una casa pagando anche mutui fino a 25 anni. Siamo cresciuti in una famiglia agiata, per carità, ma onesta: sono anni che in tanti si applicano, ma mai si riesce a dimostrare il contrario.

Siamo passati anche noi al vaglio di tribunali e processi mediatici: mai nessuno ha potuto vantare l'ultima parola. Se ci fosse stata una sola accusa reale non avremmo scritto quest'appello, invece siamo ad annunciare querela al segretario Pd perché la si smetta di infangare il nostro nome. Siamo sicuri che ci sono motivazioni più importanti su cui chiedere il voto e la fiducia dei beneventani.

Lasciamo, come giusto, a nostro padre il peso delle scelte politiche, mentre ci limitiamo a sollecitare l'innalzamento del confronto, verso temi di maggiore interesse collettivo. Scusate l'invasione di campo, assolutamente non voluta, in questa campagna elettorale, ma qualche Sancho Panza si è confuso: non siamo noi i figli d'arte in campo”.

Altre immagini