Per l'A.O. 'Rummo' molte luci, poche ombre e tanti auspici. Ecco il bilancio di Giampiero Maria Berruti In primo piano

Si e' svolta quest'oggi, martedi' 12 gennaio, presso il padiglione degli uffici direzionali dell'Ospedale Civile Rummo, la conferenza stampa di Giampiero Maria Berruti, Commissario Straordinario del principale nosocomio beneventano.

La natura dell’incontro ha avuto come tema l’esposizione dei dati di andamento gestionale per l’anno 2015, delineando un quadro di netto miglioramento sulla maggior parte degli aspetti proposti. Le diapositive hanno mostrato, in sintesi, quali siano stati i punti di partenza ed il trend nel corso degli ultimi anni, descrivendo nel merito il significato dei valori.

Una premessa particolarmente importante è stata fatta dallo stesso Berruti, che ha tenuto a sottolineare come la lettura di numeri e dati ha un valore delicato, perché è espressione dei servizi alla salute, tema sensibilissimo per il suo valore di importanza sociale, non potendo così assumere un carattere di valutazione solo in termini statistici.

Punto di partenza è stata la carenza estrema di risorse umane alla quale l’ente ospedaliero è sottoposto. Nonostante ciò vi sono stati risultati importanti in termini di rendimento effettivo per singoli reparti, seppure con enormi difficoltà di personale addetto specialmente nelle urgenze-emergenze, sanabili al più presto grazie ad appositi decreti regionali che hanno aperto alla facoltà di indire concorsi e bandi a copertura delle esigenze di gestione.

Secondo Giampiero Maria Berruti reparti come il pronto soccorso ed anestesia e rianimazione rappresentano i punti più dolenti, per i quali si dovrà intervenire al più presto; ma non mancano esigenze di personale ugualmente importanti nel settore amministrativo, su cui si aprono identiche possibilità di risposta in termini di nuove acquisizioni.

Un altro punto critico affrontato è rappresentato dal mancato rinnovo della polizza assicurativa, che vede al momento l’ospedale civile privo di copertura di rischio, essendo al momento in regime di autoassicurazione. Ma anche in questo caso il commissario ha indicato una prossima soluzione. Sono al vaglio le valutazioni sulle condizioni più convenienti tra quelle proposte dalle migliori società assicuratrici, intervenendo nel frattempo sui livelli di riduzione di rischio clinico che avrebbero conseguenze vantaggiose anche in sede di definizione del contratto.

Tra gli argomenti espressi dal Direttore generale ottime notizie provengono dalle nuove tecnologie sanitarie, in procinto di essere attivate e inserite nella operatività ospedaliera. In particolare esse riguardano l’acceleratore lineare e la nuova TAC. Quest’ultima apparecchiatura sarà in grado a brevissimo di risolvere le emergenze dovute a guasti o processi di manutenzione a cui sono soggette e che in passato, data la presenza di sole due macchine, hanno comportato disagi per l’utenza.

L’apporto della nuova unità, secondo lo stesso dott. Bencivenga, primario di Radiologia, darà certezza di continuità ai bisogni dei pazienti, annullando in futuro ogni possibile ritardo in un servizio così sensibile per la salute. Per ciò che riguarda l’acceleratore lineare questa tecnologia rappresenta l’avanguardia nei processi di trattamento oncologico di tipo radioterapico, data la precisione e la capacità di penetrazione in grado di produrre. Il primo paziente trattabile è previsto per aprile e quindi, a breve, metterà in grado la popolazione sannita di poterne usufruire, senza alcun disagio, avvalendosi in questo modo dei migliori trattamenti possibili.

Sono stati poi evidenziati gli sviluppi nei controlli della gestione del rischio clinico con la certificazione dei reparti, sono state puntualizzate le somme disposte per la manutenzione delle strutture. La risoluzione, poi, in logica di accordi per diversi contenziosi in ambito legale e di lavoro hanno permesso all’azienda ospedaliera di far risparmiare molti esborsi; ed ancora la convenzione in atto con l’ASL di Benevento, che permetterà di ottenere disponibilità di personale nelle sedi di pronto soccorso ospedaliero tramite un accordo, da tempo inseguito e che solo ora trova reciprocità di soluzione, attraverso la volontà del nuovo Commissario della ASL da poco nominato dalla Regione, il dott. Picker, con cui si è da subito instaurato un rapporto collaborativo, auspicato nelle intenzioni del Commissario generale del Rummo, a consolidarsi nel futuro.

Altro spazio è stato dedicato all’importanza della Formazione, con nuovi corsi attivati, nell’informatizzazione che faciliterà gli accessi agli utenti nella richiesta di referti, così come le eccellenze evidenziate dai vari reparti: chirurgia generale ed oncologica, neurochirurgia, cardiologia, ortopedia ed oncologia medica, su cui gli ottimi risultati raggiunti in termini di resa ospedaliera danno ragione, secondo il Commissario Berruti, ad un anno appena trascorso non privo di soddisfazioni per i miglioramenti ottenuti e di buone previsioni per un’affermazione dell’ospedale civile di Benevento come eccellenza di livello sovraregionale nel prossimo futuro.

LUIGI RUBINO

Altre immagini