Politica e affetti personali, Jean Pierre el Kozeh interviene sugli attacchi del Pd alla famiglia Mastella In primo piano

Caro direttore,

Le scrivo sull'impeto dell'indignazione provocatami dalla lettura delle parole di Carmine Valentino.

La stessa che provai quando Mastella, concludendo la campagna elettorale nel 2006, invitó ruvidamente Pasquale Viespoli a stare accanto al figlio malato piuttosto che fare campagna elettorale.

Trovai ignobile quell'uscita come trovo altrettanto ignobile oggi i commenti di Valentino e il tentativo di coinvolgere la famiglia di Mastella nella campagna elettorale

C'è un limite davanti al quale anche il serrato confronto politico deve fermarsi ed è quello degli affetti personali soprattutto se ci sono delle fragilità.

È una questione di civiltà.

È inutile che proviamo a definirci Città di Cultura se poi non abbiamo comportamenti conseguenti.

Ci sono limiti taciti che una comunità evoluta sa darsi.

I beneventani li conoscono: che i politici che vogliono rappresentarli, di qualsiasi appartenenza, siano alla loro altezza e assumano comportamenti conseguenti!

Jean Pierre el Kozeh - General Manager Mediart srl

Altre immagini