Primarie Pd, Cosimo Lepore: 'Diamo la possibilità a Luigi Abbate di essere della partita' In primo piano

'Benevento ha innanzitutto bisogno di partecipazione dei cittadini alla sua vita democratica. I delegati dei partiti da soli non possono soddisfare il bisogno di idee e di entusiasmo di cui ha estremo bisogno la nostra città: per questo ho accettato di intraprendere, insieme a tanti altri amici, il percorso che il prossimo 6 marzo vedrà il nostro popolo protagonista della scelta del candidato sindaco Pd'.

Così il candidato alle primarie del Partito democratico del capoluogo sannita e assessore comunale ai Lavori Pubblici, Cosimo Lepore.

'La mia candidatura - spiega - è nata prima di tutto dal bisogno di assicurare un’alternativa al popolo di centrosinistra che altrimenti si sarebbe trovato, come spesso avvenuto, di fronte ad una strada obbligata: un metodo, va detto, che ha alimentato la disaffezione e l’antipolitica. La nostra battaglia in queste Primarie sarà innanzitutto tesa a fare chiarezza su quale Pd vogliamo presentare alle prossime elezioni amministrative: un partito che si chiude e decide al suo interno nomi, liste, candidati e futuri assetti, o che è in grado di offrire soluzioni e alternative vere ai cittadini e chiedere a chi vive la città un contributo costante.

Abbiamo deciso - aggiunge Lepore - di sottoporre le nostre idee alla valutazione dei beneventani: senza la nostra scelta questa possibilità non ci sarebbe stata, quindi un primo risultato è già ottenuto!
Su questo tema credo che quanto denunciato da Luigi Abbate, dovrebbe costituire un punto di riflessione per i vertici del partito: in queste ore ho letto i diversi appelli ad un clima collaborativo e di reciproco riconoscimento, bene io sono d’accordo, ma per dare seguito ai buoni intenti bisogna dare la possibilità a Luigi Abbate di essere della partita. Senza questa condizione la competizione rischia di essere viziata dai ritardi e dalle 'incomprensioni' registrate nella fase di preparazione di queste Primarie'.

Da qui le conclusioni: 'Il pluralismo, la possibilità di dissentire dalla linea maggioritaria senza che vi siano scismi o anatemi, non è un obiettivo ma la premessa a qualunque ragionamento politico: per questo chiedo all’altro candidato, Raffaele Del Vecchio, di sostenere insieme a me la presenza del terzo competitor in questa tornata di Primarie. Diamo subito la dimostrazione che un cambiamento è possibile, ora, qui, nel Partito Democratico di Benevento'.

Altre immagini