Rapporto Agromafie, Masiello (Coldiretti): 'Problema serio in Campania. Le Istituzioni ci aiutino' In primo piano

'I dati sulla criminalita' nel settore agroalimentare della Campania confermano che il problema e' serio. Il nostro impegno quotidiano e' proprio nell'invertire la tendenza. Coldiretti fa la sua parte, senza fare sconti a nessuno. Alle Istituzioni chiediamo di aiutarci garantendo trasparenza e legalità'.

Commenta così Gennarino Masiello, presidente di Coldiretti Campania e vicepresidente nazionale, il rapporto Agromafie 2016. Nel quarto dossier è misurato l’Indice di Organizzazione Criminale (IOC) elaborato dall’Eurispes, insieme a Coldiretti e Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare, che si fonda su 29 indicatori specifici e rappresenta la diffusione e l’intensità in tutte le province del fenomeno dell’associazione criminale.

 

'Coldiretti è in prima linea su più fronti - sottolinea il presidente Masiello - dalla lotta al caporalato alla richiesta di tracciabilità per i prodotti. Quanto al lavoro nero, monitoriamo le nostre aziende e siamo pronti ad espellere dall'organizzazione chi non rispetta i lavoratori. Questo fenomeno va stroncato, perché alimenta la concorrenza sleale. Allo stesso modo chiediamo alle Istituzioni un controllo sul mercato nero ortofrutticolo. Nelle zone più esposte al rischio si moltiplicano i furti nelle campagne e spuntano banchetti illegali lungo le strade, dove viene venduta la refurtiva. Ormai siamo alle postazioni fisse, quasi una sfida sfacciata all'impunità. E invece le imprese agricole andrebbero difese come primo presidio di legalità. Possono essere gli avamposti dello Stato nelle aree rurali. Noi ce la mettiamo tutta, senza piangerci addosso. Ci abbiamo messo la faccia anche quando si è speculato commercialmente sui problemi della Campania. Ora chiediamo un cambio di passo, nell'interesse generale e non solo di un settore. L'agricoltura contribuisce fortemente a tirare il carro dell'economia regionale, innescando effetti positivi su tutti gli altri settori. Questa è la grande sfida che abbiamo davanti. Ecco perché al presidente De Luca chiediamo un impegno straordinario della Regione sui nuovi PSR. Ma la legalità è la condizione preliminare affinché gli investimenti producano effetti positivi e duraturi'.

Altre immagini