SAN NICOLA MANFREDI - Emanata l'ordinanza che vieta l'utilizzo di botti e artifici pirotecnici In primo piano

Il sindaco di San Nicola Manfredi, Fernando Errico, ha firmato un'ordinanza con cui ha sancito il divieto di utilizzo di petardi, botti ed artifici pirotecnici di qualsiasi genere nei centri urbani del territorio comunale nel periodo che va dal 30 dicembre al 7 gennaio prossimi.

“Ogni anno - si legge nell'ordinanza - a livello nazionale si verificano infortuni anche di grave entità, derivati alle persone, nell'utilizzo di petardi, botti ed artifici pirotecnici di vario genere. Esiste, poi, un oggettivo pericolo anche nel caso di utilizzo di petardi in libera vendita trattandosi, pur sempre, di materiali esplodenti che, in quanto tali, sono in grado di provocare danni fisici, anche di rilevante entità sia a chi li maneggia, sia a chi ne venisse fortuitamente colpito.

A ciò si aggiunga che l'accensione ed il lancio di fuochi d'artificio, lo sparo di petardi, o scoppio di bombolette e mortaretti ed il lancio di razzi è sempre stato causa di disagio ed oggetto di lamentele da parte di molti cittadini, soprattutto per l'uso incontrollato fatto da persone che spesso non rispettano le precauzioni minime di utilizzo, considerata la forte presenza di bambini in tenera età e considerato che tali comportamenti hanno provocato proteste e richieste di emissioni di appositi atti interdettivi.

L'Amministrazione, ritenendo comunque insufficiente ed inadeguato il ricorso ai soli strumenti coercitivi, intende appellarsi soprattutto al senso di responsabilità individuale ed alla sensibilità collettiva, affinché ciascuno sia pienamente consapevole delle conseguenze che tale comportamento può avere per la sicurezza propria e degli altri. Si sottolinea poi la necessità di provvedere al fine di evitare un grave pericolo per l'incolumità pubblica che si determinerebbe consentendo lo sparo di petardi e simili in zone affollate”.

Dunque, alla luce, di tutto questo, è stato vietato, come detto, di utilizzare prodotti pirotecnici anche se di libera vendita, nei centri urbani del territorio comunale, per il periodo dal 30 dicembre al 7 gennaio prossimi. Le violazioni saranno punite con la sanzione amministrativa pecuniaria da 25 a 500 euro.

Altre immagini