TELESE TERME - Alla Fondazione 'Gerardino Romano' conversazione con Eleonora de Conciliis In primo piano

Mercoledì 22 aprile, alle ore 18.30, la Fondazione Gerardino Romano di Telese Terme accoglie Eleonora de Conciliis. All'incontro, coordinato da Felice Casucci, si presenta il libro Che cosa significa insegnare?, Cronopio, 2014.

Riflettendo sulle cause profonde della crisi della scuola italiana, ma ignorando le teorie pedagogiche politicamente corrette e affondando piuttosto nell’inconscio della docimologia, l’autrice utilizza il pensiero di Foucault e la sociologia di Bourdieu per tratteggiare una spietata genealogia della professione docente e riproporre, a un livello filosoficamente radicale, la questione del potere-sapere esercitato attraverso l’insegnamento.

Un libro scientificamente rigoroso, di grande pathos letterario, scomodo, addirittura scabroso nei contenuti, gestiti con sapienza critica e duttilità argomentativa, soprattutto sul versante della complessità, s’innesta in una rete di rimandi, adeguatamente documentata, che pone al centro della trama la capacità intellettuale dell’immaginazione, per leggere un futuro tanto breve quanto urgente.

Vi trova dimora e riparo “la coscienza introspettiva come forza del pensiero: l’intelligenza come effetto storico, non misurabile e non valutabile, del processo di soggettivizzazione” (pag. 164). Le ombre inquietanti di Stato, Scuola, Famiglia, Università, Mercato si agitano sullo sfondo di una “perdita di valore sociale dell’insegnamento”.

Grazie a un’analisi delle metamorfosi culturali del tardo capitalismo, viene mostrata la funzione biopolitica e riproduttiva dell’ordine socioeconomico svolta dall’istruzione di massa, ma vengono anche indicate le dinamiche anti-pastorali che giacciono nell’uso parresiastico dell’insegnamento. Chi insegna, in special modo agli adolescenti, può innescare sviluppi che sostituiscano all’obbedienza e al conformismo il conflitto e l’ironia, può paradossalmente insegnare a non obbedire, per fermare il degrado della pseudocultura e del neoanalfabetismo.

Prima dell’incontro, il duo composto da Dina Caliro (violino) e Fausto Anzovino (chitarra), eseguiranno la Danza Ungherese n. 5 di Johannes Brahms e il Waltz 2, dalla Jazz Suite n. 2 di Dmitri Shostakovich. E’ il secondo appuntamento della 5^ Edizione della Rassegna Preludi Musicali, ciclo di miniconcerti di musica classica che si programma annualmente, con cadenza mensile, nei mesi primaverili, per avvicinare i cittadini all’estetica musicale. La direzione artistica è curata dal M° Franco Mauriello.

_________

Eleonora de Conciliis, abilitata all’insegnamento di Filosofia Morale (seconda fascia), insegna filosofia e storia nei licei; ha svolto attività di ricerca all’Università “Federico II” di Napoli e all’Università degli Studi di Salerno, collabora con l’Istituto Italiano per gli Studi Filosofici ed è capoedattrice della rivista di filosofia on line Kaiak (www.kaiak-pj.it). Oltre saggi e articoli su Canetti, Baudrillard, Foucault e Bourdieu, ha pubblicato monografie su Simmel, Kafka e Benjamin, nonché i volumi Il lusso della differenza. Ipotesi sul processo di soggettivazione, Filema, 2006; Pensami, stupido! la filosofia come terapia dell’idiozia, Mimesis, 2008; Il potere della comparazione. Un gioco sociologico, Mimesis, 2012; Che cosa significa insegnare?, Cronopio, 2014.

Altre immagini