TELESE TERME - La Fondazione 'G. Romano' ospita Giuseppe Riccio autore del libro 'Garantismo e dintorni' In primo piano

Mercoledi' 27 aprile, alle ore 18.30, la Fondazione Gerardino Romano di Telese Terme accoglie Giuseppe Riccio. All'incontro, coordinato da Felice Casucci, si presenta il libro Garantismo e dintorni. A proposito della crisi della giustizia, Giapeto Editore, 2015.

Il libro fa parte di una trilogia che si ricollega a La Procedura penale. Tra storia e politica, Editoriale Scientifica, 2010, già recensito da Casucci.

Muovendo dalle patologie giudiziali della situazione soggettiva essenziale del processo, e specificatamente del processo penale (L'imparzialità del giudice quale paradigma di sistema, 2014), Garantismo e dintorni si interroga sulle cause dell'affievolirsi del sentimento garantista e dell'indulgere su una funzione della legalità processuale inadeguata al pluralismo delle fonti e alla pluralità delle Corti, per approdare alla crisi dei rapporti tra Giuristi e Legislatori, (2015), alterati da una politica estremamente disattenta alle premesse ontologiche e dogmatiche degli eventi giuridici.

Il presupposto di questi ragionamenti è la convinzione che il nostro Paese viva un'epoca particolare nella quale il perverso intreccio tra crisi economica e crisi della giurisdizione non ha imboccato la strada di una soluzione globale per la incapacità di mettere in campo una reale riforma di sistema; che, coniugando garanzie ed efficienza, sia capace di interrompere il rapporto costi-benefici che alimenta ogni organizzazione criminale, meglio: ogni forma criminale. Tuttavia, il punto di essenza della trilogia è la ricerca del compito del giurista in questa epoca critica della storia; è l'assunzione di responsabilità da parte dell' Accademia, pure essa troppo spesso incline al consenso, talvolta interessato, più spesso “incosciente”, piuttosto che al dissenso certamente sempre proficuo per l'opera del legislatore.

_________

Giuseppe Riccio, professore emerito di Procedura Penale su proposta Università degli studi di Napoli “Federico II”. Componente di nomina senatoriale del CDA della Seconda Università degli Studi di Napoli.

Già componente laico del Consiglio Superiore della Magistratura negli anni 1998-2002, ove ha presieduto la VI Commissione, chiamata a dare i pareri sulle leggi, in particolare sul giudice unico e sulla riforma costituzionale del 1999.

Già presidente della Commissione Governativa per la “Legge-delega di riforma del Codice di Procedura penale”, presentata al Ministro della Giustizia il 19-12-2007.

Già componente delle Commissioni governative per la riforma del Codice penale militare di pace.

Ha insegnato Teoria generale del processo e Istituzioni di Diritto e Procedura penale presso l’ Università degli Studi di Salerno e poi Diritto e Procedura penale Militare e Procedura penale nella Facoltà di Giurisprudenza della Università degli Studi di Napoli “Federico II”: nonché Procedura penale nelle Facoltà di Giurisprudenza della Seconda Università di Napoli, della Università del Molise e della Università di Perugia. Avvocato e Pubblicista.

Iscritto nell' Albo d'Onore del Consiglio dell' Ordine degli Avvocati di Cosenza.

Componente del Comitato di Direzione di “Cassazione Penale”, di “Rivista di Diritto e Giustizia minorile”, di “Gazzetta Forense”, nonché del Comitato di valutazione del nuovo “Foro napoletano”.

E' autore di numerose ed apprezzate pubblicazioni in Diritto e Procedura penale.

Altre immagini