TELESE TERME - La Fondazione 'Gerardino Romano' ospita il poeta Alberto Di Palma In primo piano

Mercoledi' 2 marzo, alle ore 18.30, la Fondazione Gerardino Romano, presso la sede sociale di Telese Terme, accoglie Alberto Di Palma. All'incontro, coordinato da Felice Casucci, si presenta il libro Respiro, Mediterraneo Edizioni, 2015.

Il far poesia sceglie o scioglie una finzione? Se lo chiede l’autore, disputando con il linguaggio la forza - ove possibile - del comprendere, dell’osservare. Ma vi è un’impellenza in lui, un obbligo, un errore non rimediabile. La memoria è lo scranno dal quale si dettano lezioni, il luogo dell’imparare.

Dal mare alla conchiglia che gli è restituita, dal tempo alla sua fatica di vivere, dagli occhi al prodigio dei primi versi, tutto è silenzio, solitudine, estraneità dell’uomo a se stesso, al punto che egli respira perché il mondo respira, e lo riempie, attraverso il tempo, di un destino ineluttabile, spesso drammatico.

Ma “c’è uno specchio in ogni casa”, un tema dell’attraversamento, svelato, infranto, dove l’ombra non si riflette. E gocciola la notte, come liquido “rifugio”, depone il suono sordo “in fondo agli occhi”, quando si chiudono…

Sepolto il “respiro”, ammutolito il “sonaglio”, divelte le porte dai cardini, l’uomo, oltre la parola che gli torna indietro dalle profondità dell’etere divino, il poeta, richiamato al pieno dovere intimamente suo d’umanità, affonda i piedi in un letto d’aghi di pino, in un manto di “neve del mattino”, guarda gioioso al mulino mosso dal vento che egli ha suscitato dal cuore...

Non fugge più l’autore della silloge, torna ad un “corpo senza ossa”, tela capovolta dai colori dell’iride. “Milioni di volumi” si mettono a cantare all’unisono, “calici d’inchiostro” cadono sulle bianche camicie sudate dei versi. Questa volta “l’incanto” non si spezza. Brevissimo dettato dell’aver compiuto “l’amai”. Cosa resta della poesia? Un “relitto troppo leggero” che non tiene il peso neppure di un “naufrago”, la “scia bianca” dell’onda che ne ha ucciso il respiro ma ha trattenuto l’anima. Fino alla “fine” del verso” (tratto dalla Prefazione).

_________

Alberto Di Palma, napoletano, si avvicina alla poesia e alla pittura giovanissimo. Dai primi versi scritti nel 1983 la produzione di liriche è proseguita fino ad oggi con la partecipazione a concorsi e premi letterari di rilevanza nazionale, come il Premio speciale della giuria riconosciuto al libro di poesia “Respiro”, consegnato in occasione del “Premio internazionale di narrativa e poesia città di Caserta 2015”, e la pubblicazione di 10 testi sul n. 35 - Agosto 2015, della rivista internazionale di Poeti e Poesie, diretta da Elio Pecora. Collabora con il giornale on-line Voce nuova per il quale cura la pagina di arte e cultura.

Altre immagini