TORRECUSO - Torna dopo vent'anni la rappresentazione del dramma sacro in onore di Sant'Antonio In primo piano

Grande attesa per la rappresentazione del dramma sacro in onore di Sant'Antonio che si terra' a Torrecuso l'11 e il 12 luglio in piazza Mellusi.

La devozione per Sant'Antonio da Padova e' molto sentita in Italia e in tutto il mondo e così anche a Torrecuso, dove dal 25 maggio, organizzata dal parroco don Antonio Fragnito e dal “Comitato Sant’Antonio” è partita la peregrinatio in onore del Santo che ha visitato tutte le contrade unendo in preghiera tantissimi fedeli e si è conclusa il 13 giugno con la processione solenne per le vie del paese accompagnata da moltissimi devoti.

Le prove per la rappresentazione sacra, invece, avevano preso il via subito dopo Pasqua, quando la Via Crucis vivente organizzata dal parroco, con la regia di Nicolina Iannella e Mario Ocone avevano suscitato tanta commozione e apprezzamento nei partecipanti alla processione del Venerdì Santo.

La regia del dramma sacro “Sant’Antonio da Padova” è sempre affidata a Mario Ocone e Nicolina Iannella e coinvolge una settantina di persone, molti giovani, tra attori, registi, scenografi, costumisti, truccatrici, addetti alle luci, che ogni sera si incontrano in piazza Antonio Fusco, nella sala messa a disposizione dal Comune e per ore ed ore in un clima goliardico si dedicano con passione alla recitazione.

E molto spesso ricevono la visita di don Antonio che controlla i lavori, dà suggerimenti, verifica ogni particolare. Ora, dunque, non resta che attendere la messa in scena del dramma l’11 e il 12 luglio.

Altre immagini