Usura - Taglieggiava le vittime con prestiti a tassi oltre il 600%. arrestato gestore di un bar In primo piano

Questa mattina, a seguito d'indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Benevento, i finanzieri del Comando Provinciale hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare di sottoposizione agli arresti domiciliari, richiesta dai magistrati ed emessa dal giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale, nei confronti di un 37enne del capoluogo, Pasquale Parrella, gestore di un bar in via Napoli, gravemente indiziato per il reato di usura.

I militari del Nucleo di Polizia Tributaria, in particolare, hanno accertato l'effettuazione di prestiti a tassi usurari variabili dal 70% al 608% su base annua nei confronti di diverse vittime. I malcapitati, già in una situazione finanziaria precaria, dovevano sottostare alle pressanti richieste del giovane, esercitate per lunghi periodi, in alcune circostanze anche con minacce fisiche e verbali.

“Tale operazione - scrive il procuratore, Giovanni Conzo - dimostra, ancora una volta, che il livello di attenzione al fenomeno dell'usura e dell'inquinamento dell'economia legale, soprattutto in questo periodo di grave crisi economica per le famiglie, è elevato da parte della Procura della Repubblica di Benevento, avvalendosi della Guardia di Finanza nel contrasto agli arricchimenti anomali ed ai patrimoni illecitamente accumulati”.

Altre immagini