VITULANO - Ricco programma per la XXIV edizione della 'Sagra della Castagna' In primo piano

A ottobre le giornate si fanno più fredde, il sole tramonta presto. Per le vie del centro un odore intenso, dolce e un po' bruciato, è tempo di castagne, di riunioni davanti al camino a sporcarsi le mani nello sbucciarle. Torna a Vitulano il consueto appuntamento autunnale con la Sagra della Castagna giunta ormai alla XXIV edizione.

La Sagra della Castagna a Vitulano rappresenta il giusto connubio tra festa popolare, momento culturale ed evento enogastronomico. Il fine è quello di onorare e divulgare le qualità di questo prodotto nel modo più festoso, in cui si senta forte il calore delle genuine feste popolari, e in cui i colori tipici e gli odori succulenti delle cucine , penetranti fin dentro l’intimo di ognuno di noi, possano evocare sensi di autentiche tradizioni secolari, che tanto sensibilmente ci emozionano. Per i vitulanesi la castagna non rappresenta solo un alimento che ha sfamato intere generazioni, ma è anche un simbolo dell'antica tradizione agraria, montanara e quindi sociale.

Ormai l’appuntamento con il frutto paragonato al pane per le sue capacità nutrizionali ma soprattutto per la sua importanza nell’economia agraria del secolo scorso, si consolida di anno in anno. Si prevede un flusso di partecipanti notevole, dopo il successo ottenuto dall’edizione dello scorso anno. La manifestazione si svolgerà in uno dei borghi più antichi, ossia nel suggestivo contesto del casale Vennerici.

Anche quest'anno si ripeterà la formula itinerante che vedrà coinvolto il centro storico con piazza San Menna, via Roma, via Bracanelli e via Falluto, un circuito ricco di storia, cultura, palazzi d'epoca e prelibatezze da gustare ed acquistare. Si potrà gustare la castagna “enzeta”, qualità rappresentativa di Vitulano e di Camposauro: caldarroste, dolci a base di castagne nonché tanti altri prodotti come il pecorino vitulanese, accompagnati da un bicchiere di buon vino del Taburno o del Sannio.

La sagra è anche un'occasione per visitare il centro sannita immerso nel cuore del Parco Regionale del Taburno-Camposauro ed apprezzarne le sue bellezze architettoniche, artistiche e naturalistiche. Tra i vicoli del casale, nei portoni e nelle cantine, oltre agli stand gastronomici, saranno allestite anche mostre di artigianato locale, di pittura e di ricami pregiati. Il tutto animato con la più bella musica popolare del Sannio, spettacoli per bambini e artisti di strada.

La sagra non è solo dedicata alla castagna che rimane il perno principale della manifestazione, ma ha tante manifestazioni collaterali dedicate sia al turismo ambientale sia alla gastronomia locale. Dalle ore 9.00 alle ore 24.00 saranno aperte le botteghe d'artigianato, le Chiese monumentali e la Pinacoteca e ci saranno escursioni nei castagneti, a piedi ed in mountain bike.

Il territorio di Vitulano e, in particolare la cima di Camposauro, con il suo pianale, sono delle meraviglie incontaminate, dei gioielli ambientali nel cuore della Campania, con le vegetazioni e le particolari biodiversità. Basti pensare alle quattro sorgenti d’acqua che sgorgano sulla sommità delle montagne vitulanesi per convogliarsi in altrettante fontane (Reale, Cortedonica, Fuggiano e San Pietro) e alle miniere con il marmo rosa di Vitulano.

Piacevole, suggestiva e ricca di iniziative questa Sagra della Castagna, insomma ci sono tutte le carte in regola per non perdervi quest’evento, l'appuntamento è fissato per i giorni che andranno dal 29 ottobre al 1° novembre, quattro giornate all’insegna del divertimento e del gusto per valorizzare i prodotti tipici locali e l’eccellenza del territorio e magari per farci ritornare a casa con la pancia piena, una scorta di castagne e con il soddisfacente ricordo di un’esperienza che ci fa amare ed apprezzare ancora di più la nostra terra.

NELLO MARRA

Altre immagini