Volley. La Coim Accademia vede le 'streghe' a Turi ma i tre punti valgono la salvezza In primo piano

Vittoria tanto importante quanto sofferta per la Coim Accademia che nella diciannovesima giornata del campionato nazionale di serie B2 femminile vince 3-1 sul campo della Robur Turi (24-26, 25-21, 17-25, 21-25).

Contro il fanalino di coda del campionato, le giallorosse riescono a conquistare i tre punti soltanto al termine di una partita combattuta ed incerta a discapito dei pronostici iniziali. Merito soprattutto delle padrone di casa protagoniste di una prova molto generosa anche quando la gara si era ormai compromessa al quarto set. Le pugliesi sono state encomiabili sotto il profilo dell’impegno e probabilmente il risultato le penalizza oltremisura per quanto fatto vedere soprattutto nei primi due set.

Brava la Coim invece a limitare i danni nelle fase iniziale, quella di maggiore difficoltà, e ad avere il guizzo giusto per raddrizzare un primo set che sembrava compromesso per poi venir fuori alla distanza e fare suo il match.

Chi si aspettava un Turi vittima sacrificale già predestinata si sbagliava di grosso. Le padrone di casa partono a spron battuto e aggrediscono il campo con grande determinazione, la Coim di contro paga un approccio forse troppo rilassato e sbanda. Subito 8-2 il punteggio per le pugliesi, ma le giallorosse hanno il merito di rimettersi subito in pista e si avvicinano alle avversarie costringendo il tecnico Piero Acquaviva a chiamare time out sul 9-7. Il vantaggio di due punti rimane invariato fino alla seconda sospensione tecnica (16-14), ma al rientro in campo è il Turi ad avere di nuovo lo scatto migliore. Le baresi si portano al massimo vantaggio sul 21-16 e addirittura arrivano ad avere ben quattro palle set sul 24-20. Il set sembra segnato ma invece di lasciarsi andare la Coim si trasforma. Le giallorosse rosicchiano un punto dopo l’altro e con uno stratosferico finale di set prima annullano lo svantaggio e poi vanno a chiudere 26-24 firmando un colpo da maestro.

Il Turi, fermato sul più bello, però non si perde d’animo e riparte come il primo set senza alcun timore. Il 3-0 iniziale testimonia come la squadra di casa non abbia per nulla risentito di alcun contraccolpo. Le baresi sono avanti 8-4 al primo time out tecnico, Coim di nuovo in affanno. Il set viaggia più o meno senza particolari sussulti fino a metà parziale, è sempre il Turi ad avere un margine da amministrare (16-13) e l’Accademia ad inseguire. Sembra di assistere allo stesso copione del primo set quando la Robur è avanti 20-16, e invece no. Perché stavolta le padrone di casa non si lasciano sorprendere e pareggiano i conti con un meritato 25-21.

Nemmeno il set subìto sembra dare una scossa alla Coim, la squadra appare ben lontana dalle sue abituali prestazioni mentre il Turi con grande generosità non molla di un centimetro e continua a fare la sua partita. 8-5 prima e 12-7 poi per le padrone di casa che sfruttano al massimo la difficoltà dell’avversario. Le giallorosse hanno una timida reazione e riescono a ricucire lo strappo (14-16) ma i segnali di ripresa si materializzano finalmente alla ripresa del gioco. Con una perentoria fiammata la Coim piazza un parziale choccante di 11-1 che lascia di stucco un Turi in totale balìa della furia avversaria. Finalmente le giallorosse appaiono toniche ed in palla. 25-17 e Coim nuovamente avanti.
Il cambio di marcia restituisce entusiasmo e gioco alla Coim. La squadra, dopo una lunga fase sottotono, torna ad avere lo smalto dei giorni migliori e nel quarto set sembra non esserci storia. Le giallorosse vanno addirittura sul 15-6 dando l’impressione di aver finalmente vinto la resistenza avversaria. Ma il Turi conferma ancora una volta la sua serata di grande generosità e non molla. 16-10, il vantaggio si dimezza ancora sul 17-14 e la partita torna di nuovo in bilico. La Coim mantiene i nervi saldi e respinge gli assalti delle padrone di casa mantenendo il vantaggio e conquistando la vittoria con un sofferto 25-21.

Con questi tre punti le giallorosse salgono a quota 32 punti in classifica e possono brindare virtualmente al raggiungimento della salvezza. Davvero solo la matematica separa le beneventane dal primo obiettivo stagionale, ma il margine sulla quartultima adesso è davvero rassicurante.

La Coim può iniziare così a guardare a posizioni più nobili della classifica con la prospettiva di lottare insieme ad un gruppetto di tre-quattro squadre anche per la quarta piazza, risultato a dir poco stupefacente rispetto ai programmi di inizio stagione.

La rincorsa inizierà domenica prossima quando a Benevento arriverà il Taranto, uno scontro diretto in questa nuova ottica di classifica tutto da giocare.

IL TABELLINO DELLA GARA

Accademia Volley: Mezzapesa 1, Ferrone 8, Principe (K) 20, Dell’Ermo 7, Morgia 9, Delli Quadri 12, Favino (L), De Cristofaro 9, Napolitano, Cona (L), Varricchio. All. V. Ruscello.

Acqua Amata Turi: Guglielmi (K) 19, Cazzetta (L), Irlando 7, Topputi S. 3, Lattanzio 17, Topputi E. 1, Raguso 2, Neglia 1, Lerede 1, Branco 14. All. P. Acquaviva.

Altre immagini