Lassammo fa' Dio Politica

'A dummeneca 'e Pasca

d' 'o mille e noveciento, 'o Pateterno

(ca s' e' susuto sempe 'int'e primm'ore)

di buonissimo umore

se scetaie mmerz' 'e sette

fece chiamma' san Pietro e lle dicette:

Piè, stamattina è una bella giornata. Vorrei fare una scappata sulla Terra. Che ne dici?”.

E san Pietro, anche se perplesso per paura che si sarebbe potuto disgustare, perché “’a Terra è nu poco affittiva”, acconsentì.

Si vestirono di tutto punto e scesero a Napoli. Si fermarono a Piazza Dante, si sedettero a tavolino e ordinarono due mezze limonate.

Erano le dieci e mezzo di mattina ed era una bella giornata. Per strada passeggiava gente di ogni età: uomini donne bambini.

Oh, qual vista gentile! 
(dicette 'o Pateterno 
pusanno o' cucchiarino). 
Ma com' è che si dice, 
caro quel mio Pierino, 
che la Terra è infelice? 
Ma guarda, guarda un po' che movimento, 
che scena pittoresca e che allegria!
Via, son proprio contento…”.

Pietro cominciò a brontolare e condusse ‘o Pataterno in un altro punto della piazza. Dio guardò spaventato in mezzo alla strada gente che supplicava 'a carità…”

'O Patre Eterno 
capuzziava, parlava isso sulo, 
teneva mente in aria... Tutto nzieme 
fece segno c' 'a mano. E nu lenzulo 
scendette sulla Terra lentamente, 
lo stendettero a terra in piazza Dante 
nu centenaro d'angele 
tutte vestute 'e velo 
nce ammuntunaino, dinto, 'e puverielle, 
e s' 'e purtaino 'ncielo...

Sta mappata viaggiava verso il Paradiso. Appena giunta lì gli angeli l’aprirono e tutti uscirono. E in mezzo all’erba e ai fiori quattro tavole apparecchiate come nei migliori ristoranti. E c’era sopra cibo di ogni qualità

Avite ntiso maie 
Miseria e nubilta'. Ve ricurdate quanno Sciosciammocca 
e chili' ati stracciune, 
con l' acquolina in bocca 
guardano ncopp' 'a tavula 'e mangià 
chella bella zuppiera 'e maccarune? 
Non vi dico altro.

Poi arrivò il sonno e scese su tutti loro. Ma dietro gli andava la Morte

Nun è meglio accussì? Tutta sta gente, 
tumentata e nnucente 
ncopp' 'a Terra che turnava a fa? 
Doppo n' ora felice c' ha passata, 
guarda, è passata 'int'‘a l’eternità...

Solo una donna non si era addormentata

Là!... Na femmena!... 
E chella, 
comme fosse mpazzuta, 
cammenava, curreva, 
nciampecava e cadeva, 
e s'alzava... E fuieva... 
Chiammatela! Addo' va?!... 
- Zitto... - dicette 'o Padre Eterno - Zitto... 
Lass' 'a fa...

Era Nanninella ‘a pezzente e riusci a trovare la sua povera casa.

Sto ccà!... Mamma è turnata!...- 
E 'a porta, mez' aperta e meza nchiusa, 
e nu vascio vuttaie cu na spallata. 
Trasette 'e furia. Currette addò steva 
nu piccerillo dint' a nu spurtone... 
s' acalaie... Chillo povero guaglione, 
c' appena appena teneva nu mese, 
sennuzziava, cu 'e manelle stese... 
Lassammo fa' Dio... 
Nanninella 'a pezzente 
ll' arravugliaie dint' a nu sciallo viecchio, 
s' 'o pigliaie mbraccia - s' 'o strignette mpietto, 
e dint' 'o chiaro 'e luna, 
e asciuttannose lì' uocchie a 'o mantesino, 
lle dette latte e - s' 'addurmette nzino...

Il significato di questa stupenda poesia di Salvatore di Giacomo è profondo. Una mamma non abbandona suo figlio nemmeno in cambio della pace del Paradiso. Nemmeno Maria ha abbandonato il Figlio in croce ma è stata vicino a Lui soffrendo come Lui o forse più di Lui. Fino all’ultimo Suo respiro.

Buona Pasqua

ELISA FIENGO

lisafiengo@gmail.com

Altre immagini