Rigettata la richiesta di custodia cautelare nei confronti di Aldo Damiano Politica

Il gruppo consiliare Lealtà per Benevento, in una nota, esprime grande soddisfazione per il pronunciamento del Tribunale del Riesame di Napoli, che ha rigettato la richiesta del Pubblico Ministero della Procura della Repubblica di Benevento di applicare una misura di custodia cautelare nei confronti dell’assessore Damiano, in merito all'inchiesta avviata per l'apertura del Centro Commerciale “I Sanniti”, in Via dei Longobardi a Benevento, indagine, questa, meglio conosciuta come vicenda Zamparini!

Il Riesame ha dunque confermato la decisione del Gip che in precedenza aveva respinto la stessa istanza.

“Tralasciando il delicato aspetto giudiziario della vicenda, ma rinnovando la massima fiducia nei confronti dell’operato della Magistratura - si legge - vogliamo porre all’attenzione di tutti la qualità cristallina e specchiata dell’attività messa in campo dagli amministratori del gruppo Lealtà per Benevento, già protagonista, in un passato ancora recente, di scelte coraggiose attuate nel rispetto dei cittadini, in contrapposizione alla vecchia logica di tutela dei soliti protetti.

Aldo Damiano, oltre che un ottimo assessore è l’esponente di un gruppo, Lealtà per Benevento, che farà sentire la propria voce alle prossime amministrative di maggio, ma non solo.

Fa sorridere il fatto che tra le contestazioni mosse dai garantisti a corrente alternata ci sia quella di aver proseguito nel proprio lavoro, con impegno, al servizio della comunità, in un ruolo per il quale è stato designato in base alla fiducia del sindaco, Fausto Pepe, e degli elettori che hanno espresso un grandissimo consenso nei suoi confronti. Un modello di trasparenza e correttezza, quello di aver rimesso le deleghe ricoperte in attesa che venisse fatta luce sulla vicenda, al quale qualsiasi buon amministratore dovrebbe ispirarsi.

Ci aspettiamo, forse invano, che gli stessi che hanno commesso azioni di sciacallaggio e che si sono resi protagonisti del tentativo di demolizione umana di un soggetto non ancora condannato dagli organi competenti, caratterizzino oggi le proprie note stampa e i manifesti con questa notizia e con l’assunzione di responsabilità rispetto a vicende spinose che hanno penalizzato e continuano a penalizzare il nostro territorio”.

 

Altre immagini